Viva Italia

Informazione libera e indipendente

«La caccia non è uno sport»: la polemica su Flavio Insinna e la solidarietà del pubblico sui social

La polemica sui social, si sa, è sempre a scoppio ritardato e, infatti, colpisce Flavio Insinna due giorni dopo il «fatto incriminato». Durante la puntata de L’Eredità andata in onda il 27 dicembre, il conduttore si è lasciato andare a un appunto personale su una domanda relativa alla caccia: «Io sono totalmente contrario alla caccia, lo dico» ha detto a margine della risposta del concorrente suscitando la reazione di Federcaccia, che ha scritto una lettera di protesta alla Rai valutando una possibile azione legale per diffamazione ai danni di Insinna.

«Il comportamento di Insinna, non nuovo a questo genere di interventi, è reso ancora più grave per essere messo in atto approfittando della propria notorietà attraverso un mezzo, quello televisivo, che gli garantisce ampio seguito e l’assenza totale di un contraddittorio sulle opinioni espresse in merito alla caccia e ai cacciatori, denigratorie di una categoria di cittadini che esercita una attività pienamente legittima, prevista e normata dalle leggi dello Stato» ha scritto nella lettera indirizzata al direttore di Raiuno e alla Commissione parlamentare per l’indirizzo generale e la vigilanza Massimo Buconi, presidente della Federcaccia.

Insieme all’invito rivolto a «tutti i cacciatori italiani e le loro famiglie» di non seguire più L’Eredità, però, i social si schierano in favore di Flavio Insinna attraverso un hashtag, #iostoconflavioinsinna, che scala rapidamente le tendenze di Twitter esprimendo la vicinanza del pubblico nei confronti del conduttore. Sono molti, infatti, i messaggi di solidarietà e di sostegno fioccati non solo dagli spettatori, ma anche da diverse organizzazioni come l’Enpa, che ringrazia Insinna «per avere espresso il pensiero della stragrande maggioranza degli italiani», e Greenpeace, che ha sottolineato il pensiero del conduttore in merito al fatto che «la caccia non è uno sport».

LEGGI ANCHE

«L’Eredità»: il campione Massimo Cannoletta abbandona il gioco dopo 51 puntate

Fonte: vanityfair.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *