Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Kumbulla e la Roma: ecco perché è un (buon) investimento di portata internazionale

Il centrale del Verona vince il confronto statistico con altri giocatori che per età e ruolo gli somigliano: Salisu, Saliba, Sarr, Fofana e Upamecano. Vale i 25 milioni messi sul piatto dai giallorossi

Gli investimenti non vanno temuti, vanno compresi. E quello che sta facendo la Roma con Marash Kumbulla ha un respiro decisamente internazionale che forse solo perché invischiati nel nostro campionato non riusciamo a comprender. Ma per dare un senso ai 25 milioni che i giallorossi sono pronti a investire per il difensore centrale del Verona basta alzare lo sguardo e vedere in Europa chi sono i colleghi di Max, colleghi per ruolo e simili (se non uguali) per età.

IL CONFRONTO

—  

Proviamo a farlo sia attraverso le statistiche sia attraverso il valore di mercato. Il confronto statistico è avvenuto tra Kumbulla e altri cinque difensori. Si tratta di Mohamed Salisu (nato nel 1999), William Saliba (2001), Malang Sarr (1999), Wesley Fofana (2000) e Dayot Upamecano (1998). Dal punto di vista statistico Kumbulla vince le sfide con tutti e cinque. I valori presi in considerazione costituiscono una virtuale schedina di 13 voci nelle quali il centrale dell’Hellas emerge per la maggior parte delle volte negli scontri diretti. I temi su cui sono stati analizzati i giocatori sono inerenti al ruolo: tackle, palloni intercettati, scontri aerei vinti, percentuale di successo in nell’uno-contro-uno, tiri respinti e anche un po’ di costruzione quindi percentuale di passaggi completati e palloni portati fino alla trequarti avversaria (questo dato, a dire il vero, risente molto delle indicazioni dei vari allenatori). Bene, Kumbulla ha statistiche migliori di tutti e cinque i rivali.

CORTEGGIAMENTO PREMIER

—  

Che non sono proprio degli sconosciuti agli occhi dei club europei. L’Arsenal nell’estate del 2019 ha pagato 30 milioni il cartellino di Saliba, lasciato un anno in prestito al Saint Etienne. Ora è sbarcato a Londra e i tifosi dei Gunners sognano di avere in casa la coppia del futuro formata dal francese e dal brasiliano Gabriel. In Premier League arriva anche Salisu che il Southampton ha pagato 12 milioni dal Valladolid in questa pazza estate post Covid. Per aver giocato 31 volte nella Liga con una squadra non di primo piano, un costo notevole. Sempre nel campionato inglese troveremo un altro talento difensivo: Sarr, francese del 1999, passato dal Nizza al Chelsea. La Roma, dunque, segue le orme dei club britannici e punta forte su un talento della difesa senza spaventarsi dell’investimento, ma comprendendo benissimo ciò che sta facendo. Il coetaneo di Marash, Fofana, gioca ancora nel Saint Etienne ma presto potrebbe raggiungere Leicester (guarda un po’, ancora la Premier). E che fine fara Upamecano, il più “anziano” di questo gruppetto visto che è nato nel 1998. Il Lipsia lo valuta 40 milioni e le due presenze con la Francia campione del Mondo rendono accettabile la cifra. Il destino? Difficile ancora a Lipsia. Insomma, Kumbulla è un investimento “europeo”, dalla forte connotazione internazionale. Un investimento saggio che permette alla Serie A di potersi tenere un pezzo pregiato.

Fonte: gazzetta.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *