Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Juve-Napoli, Galli su La7: “E’ la morte dello sport. Non si può entrare in trattative sulla…

La vicenda Juve-Napoli è la morte dello sport. Se una squadra non può arrivare a giocare perché è bloccata da una decisione che comporta addirittura una denuncia penale dei singoli, allora è chiaro che la questione è di forza maggiore e dovrebbe essere chiusa qui. E non si può entrare in trattative rispetto a una decisione della Asl, abbiate pazienza”. Sono le parole pronunciate a “L’aria che tira” (La7) da Massimo Galli, primario del reparto Malattie Infettive dell’ospedale Sacco di Milano, sul caso Juve-Napoli, coi calciatori della squadra partenopea bloccati dalla Asl e quelli bianconeri scesi invece soli in campo.

Stadi, Galli: “Anche io tifoso, ma no a riapertura immediata. L’epidemia? Siamo messi meglio di Stati vicini, ma dobbiamo stare attenti”

Vedi Anche

Stadi, Galli: “Anche io tifoso, ma no a riapertura immediata. L’epidemia? Siamo messi meglio di Stati vicini, ma dobbiamo stare attenti”

Galli bacchetta la Lega Calcio: “Mi dispiace per i signori della Lega, ma si tratta di una decisione presa da un’autorità superiore in una situazione che è ancora di emergenza, anche se è una strana emergenza all’italiana, per cui si aprono le discoteche, le Regioni decidono per i fatti loro e si indicono elezioni“.

L’infettivologo, che critica anche la mancanza di una voce univoca nelle indicazioni ai cittadini e la dispersione dei messaggi a livello regionale, conclude: “Io sarei addolorato se il campionato dovesse essere chiuso, però è un dato di fatto che lo si sta facendo in queste condizioni. Si lavora sulla lama del coltello perché in qualsiasi situazione, visti anche i numeri attuali del contagio, la faccenda può andare francamente a degenerare“.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Articolo Precedente Calcio, de Magistris su La7: “Napoli non aveva alternative. La decisione Asl è stata autonoma? Lascio la risposta a intuizione di molti” next Articolo Successivo Ballottaggi 2020, i risultati commentati da Peter Gomez. Rivedi la diretta next

Fonte: ilfattoquotidiano.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *