Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Italia, Mancini: ‘Carenza attaccanti problema non da poco’

Il Ct della Nazionale azzurra annuncia il forfait di Verratti per infortunio: “Ha preso un colpo, tornerà a casa. Tonali credo non sia un grande problema, valuteremo Pellegrini, mentre Politano sta abbastanza bene. Fino a dopo il Mondiale ci attendono mesi difficili, ma dobbiamo ritrovare entusiasmo. La carenza di attaccanti non è un problema da poco”. L’Italia – terza nel gruppo 3 di Nations League – affronterà Inghilterra (23 settembre a San Siro) e Ungheria (26 settembre a Budapest)

Due gare, le ultime due del girone di Nations League, da non fallire per gli azzurri. La Nazionale si è ritrovata a Coverciano per preparare gli impegni contro Inghilterra (23 settembre a Milano) e Ungheria (26 settembre a Budapest). Terzi con 5 punti dopo le prime qauttro giornate, gli azzurri sono preceduti da Ungheria (7) e Germania (6) e dovranno guardarsi dagli inglesi (2), che occupano attualmente l’ultima posizione del girone che condanna alla retrocessione in Lega B. Per i prossimi impegni però Mancini dovrà rinunciare a Marco Verratti per un problema al polpaccio: “Ha preso un colpo quindi tornerà a casa, Tonali credo non sia un grande problema mentre per Pellegrini valuteremo tra oggi e domani. Politano mi sembra stia abbastanza bene, non è un grande problema. Spinazzola mi ha chiamato chiedendomi di non convocarlo perché non stava benissimo e aveva bisogno di lavorare per un paio di settimane”, le parole del Ct dell’Italia in conferenza stampa. Mancini ha poi proseguito: “Non volevo convocare tantissimi ragazzi perché sarebbero andati in tribuna e visto che giocano ogni tre giorni con il campionato ho preferito chiamarne meno. Di calciatori bravi ne sono rimasti a casa diversi ed è un dispiacere, ma ho pensato che fosse giusto così viste le tante partite che stanno giocando”.

“Carenza attaccanti è anomalia, ma problema non da poco”

Mancini ha fatto il punto sul reparto offensivo, tra le note dolenti degli ultimi periodi in azzurro: “La carenza di attaccanti per la Nazionale è sicuramente qualcosa di anomalo, l’Italia ha sempre avuto grandi attaccanti, è un po’ di tempo che le grandi squadre hanno pochissimi giocatori italiani, Immobile è l’unico titolare nelle principali squadre, questo ci crea difficoltò ma speriamo che non sia un fenomeno irreversibile”. Il Ct della Nazionale è comunque fiducioso: “Qualche anno fa lo dicevamo dei difensori e poi sono fioriti, la speranza è che possano venire fuori prossimamente 2/3 giovani promettenti per dare un futuro alla Nazionale. Certamente la carenza di attaccanti non si tratta di un problema piccolissimo”. Mancini ha poi concluso: “I ragazzi nel giro della Nazionale in questo momento all’estero possono migliorare, giocare fuori ti aiuta e migliora il bagaglio tecnico-tattico, insomma ti forma. La speranza è che possano giocare anche tante partite”.

Fonte: sport.sky.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *