Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Isis, “jihad della penna”: arrestato 37enne egiziano a Roma

Gli appelli a colpire nei territori di origine e in Occidente

– E’ stato accertato che l’uomo diffondeva sul web prodotti mediatici di natura apologetica, video ad alta valenza evocativa e aggiornamenti sui “successi” delle campagne di insorgenza nei territori di conflitto. Inoltre, lanciava appelli ai proseliti per colpire nei territori di origine, anche in Occidente. Tale strategia aveva la duplice finalità di combattere i miscredenti (coloro che non professano la religione musulmana) e gli apostati (coloro che non professano il salafismo-jihadista, quindi compresi i regimi del mondo musulmano, giudicati corrotti) e di vincere la contesa globale contro il proprio rivale di maggiore consistenza, vale a dire al Qaeda.

I messaggi violenti di propaganda –

Le pagine social media maggiormente esposte al pubblico venivano inondate di messaggi violenti e di propaganda jihadista, con la finalità da un lato di esaltare i sostenitori del jihad e dall’altro di attrarre la platea di coloro che per la prima volta si affacciavano a questa errata interpretazione dell’lslam.

L’addestramento attraverso Telegram

– Le attività investigative hanno consentito di dimostrare come l’indagato, grazie all’accesso che gli era garantito a canali Telegram gestiti dagli organismi mediatici ufficiali di Stato Islamico, ha più volte condiviso con altri utenti documenti di vero e proprio addestramento militare, attraverso i quali ha impartito istruzioni sul maneggio delle armi da fuoco, sulla fabbricazione di ordigni esplosivi improvvisati e sulle procedure operative e tattiche per la messa in atto di attacchi terroristici.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *