Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Inter-Lazio 3-1, gol e highlights. Lukaku show, Conte in vetta a +1 sul Milan

22′ rig. e 46′ Lukaku (I), 61′ Milinkovic-Savic (L), 64′ Lautaro Martinez (I)


INTER (3-5-2):
Handanovic; Skriniar, De Vrij, Bastoni; Hakimi (90′ D’Ambrosio), Barella, Brozovic, Eriksen (72′ Gagliardini), Perisic (90′ Darmian); Lukaku (90′ Pinamonti), Lautaro Martinez (78′ Sanchez). All. Conte

LAZIO (3-5-2): Reina; Patric, Hoedt (46′ Parolo), Acerbi; Lazzari, Milinkovic-Savic, Leiva (46′ Escalante), Luis Alberto (78′ Pereira), Marusic; Correa (70′ Caicedo), Immobile (70′ Muriqi). All. S. Inzaghi

Ammoniti: Hoedt (L), Lukaku (I), Hakimi (I)

Aspettando il derby, ecco il sorpasso in vetta. Passo falso del Milan scivolato a La Spezia, nessuno sconto dell’Inter: va alla squadra di Conte il big match della 22^ giornata di Serie A, 3-1 alla Lazio che permette di scavalcare i rossoneri a +1 e guidare la classifica verso il rush finale. Leadership solitaria per i nerazzurri, trascinati da un immenso Lukaku e implacabili a San Siro: ottavo successo di fila per Conte come non accadeva dal 2017 per il migliore attacco del torneo (54 gol segnati). A fermarsi è invece la squadra di Inzaghi, reduce da 6 vittorie di fila e ora lontana 10 punti dall’Inter: curiosamente i biancocelesti non perdevano da 8 turni proprio a San Siro, quando fu il Milan a passare 3-2. Solo un segno del destino? Sicuramente tra sette giorni lo spettacolo è garantito.

La cronaca della gara

Eriksen dal 1’ (preferito a Gagliardini) e Perisic largo a sinistra le due novità di formazione di Conte, che si affida al tandem Lukaku-Lautaro e conferma le sue pedine dal centrocampo alla difesa. Continuità anche per Inzaghi dalla coppia Correa-Immobile alla mediana di qualità, dietro spazio a Patric (vinto il ballottaggio con Musacchio) ma non all’acciaccato Radu: dopo il riscaldamento va in tribuna e lascia il posto a Hoedt. Equilibrio in avvio e prima chance al 12’ per Lautaro (destro a lato), protagonista sette minuti più tardi: Hoedt lo stende in area, rigore che Lukaku trasforma (10 su 10 per il belga dal suo arrivo in Serie A). La risposta della Lazio è tutta nel destro di Immobile respinto da Handanovic, dall’altra parte i soliti Lautaro e Lukaku pungono dalle parti di Reina. Prima dell’intervallo ecco il 2-0, ancora con Lukaku: sfortunato Lazzari in contrasto con Brozovic, pallone recapitato a Romelu che non può sbagliare davanti a Reina. Si tratta del gol numero 300 in carriera per il belga tra club e Nazionale maggiore.

Dopo l’intervallo Inzaghi mescola le carte: dentro Escalante e Parolo al posto di Leiva e Hoedt, ritocchi che anticipano i tentativi di Marusic e Acerbi. Cambi che lasciano il segno: Parolo s’immola al 58’ su Hakimi, Escalante devia fortunosamente la punizione di Milinkovic-Savic per il gol del 2-1 (assegnato dalla Lega Serie A al serbo). Nemmeno il tempo di esultare che Lukaku chiude i giochi: spaventosa la sua progressione palla al piede, stavolta Parolo non può contenerlo né impedire l’assist per il facile tris di Lautaro. Un Romelu gigantesco per il sorpasso in vetta al Milan, in attesa del derby.

Fonte: sport.sky.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *