Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Incendio devasta azienda chimica di San Donato: fiamme alte decine di metri

Un incendio è divampato nell’area industriale di via Monferrato a San Donato Milanese (Milano) nella mattinata di mercoledì 7 settembre. 6 persone, secondo le prime informazioni, sono rimaste ferite. Sono tutti dipendenti dell’azienda. 4 hanno escoriazioni di lieve entità e sono rimaste intossicate, 2 invece sono in condizioni serie. Hanno 44 e 57 anni. In particolare il 44enne lotta per la vita con ustioni di terzo grado.

Le fiamme – scaturite dalla Tomolpack, azienda che fornisce materiale per imballaggi – stanno devastando l’impianto della Nitrolchimica, società che si occupa del recupero dei solventi e dello smaltimento dei rifiuti pericolosi.

Il rogo si è scatenato intorno alle 10, come riportato dall’agenzia regionale di emergenza urgenza. Le lingue di fuoco sono alte decine di metri e, come confermato dai vigili del fuoco a MilanoToday, sono alimentate da sostanze chimiche e solventi. Il rogo ha alzato una densa colonna di fumo nero visibile a decine di chilometri di distanza. I vigili del fuoco stanno intervenendo sul posto con circa 17 mezzi da tutta la provincia di Milano.

Sul posto stanno intervenendo anche i tecnici dell’Arpa (agenzia regionale per la protezione dell’ambiente) che misureranno le concentrazioni di agenti inquinanti nell’aria. “È stato attivato il gruppo specialistico contaminazione atmosferica, quello del rischio chimico e il servizio previsioni meteo di Arpa – si legge in una nota dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente -. L’azienda nitrolchimica è soggetta ad autorizzazione integrata ambientale codice 5.1 e si occupa di smaltimento o recupero  di rifiuti pericolosi con capacità di oltre 10 Mg/die. Nello specifico l’azienda effettua principalmente il recupero di solventi organici”.

Incendio alla Nitrolchimica: video

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *