Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Immersive Van Gogh, la mostra digitale arriva a New York

Oltre 60 mila fotogrammi e 90 milioni di pixel che riproducono le opere post-impressioniste di Vincent Van Gogh. “Immersive Van Gogh” è una mostra itinerante, di grande successo e tutta italiana. L’ideatore è Massimiliano Siccardi, docente di elaborazione digitale dell’immagine all’Accademia di Comunicazione e Immagine di Roma, nonché produttore cinematografico. La colonna sonora a supporto dell’esposizione è del compositore Luca Longobardi, non nuovo a performance multimediali in cui la musica elettronica sperimentale incontra le note pulite ed eteree di un pianoforte. Ed è italiano anche l’art director, Vittorio Guidotti.

Le opere che vedremo nella realtà virtuale

E’ un Van Gogh differente quello che si andrà a scoprire. La mostra  accompagnerà per mano il visitatore in un viaggio intenso attraverso arte, luce, musica, movimento e immaginazione. La selezione delle opere del pittore olandese comprende: “The Potato Eaters”, ovvero “I mangiatori di patate”, “Starry Night” (“La notte stellata”), “Sunflowers” (“I Girasoli”), e “The Bedroom” (“La camera da letto”). Ma in che modo si potrà viaggiare nei famosissimi quadri? Ogni ambientazione digitale accompagnerà il visitatore nei dipinti con lo sguardo dell’artista nel momento in cui si è trovato per la prima volta di fronte alle scene da lui poi riprodotte. Una visione coerente di Van Gogh, che diceva: “Sogno la pittura e dipingo i miei sogni”. Siccardi e Longobardi si sono detti entusiasti di riportare in vita l’eredità dell’artista a New York. La mostra è già stata in rassegna di Los Angeles, San Francisco, Toronto e Chicago.

Fonte: tg24.sky.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *