Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Il raid dei laziali al Flaminio, 4 tifosi della Salernitana feriti: uno è stato accoltellato

Un tifoso della Salernitana accoltellato al gluteo, altri tre feriti durante l’aggressione, una serie di auto danneggiate, petardi e fumogeni all’Olimpico e sei ultras della Lazio identificati. Scene da anni ’90 che, con la riapertura degli stadi e delle trasferte senza limitazioni, se non quella del Green Pass, stanno tornando a riempire le cronache dei quotidiani, che siano on line o meno.

Il bilancio e le conseguenze del raid dei laziali poco prima del match di domenica sera contro la Salernitana, è grave anche se – e questo è l’unico aspetto positivo – i quattro feriti non sono in gravi condizioni. 

I fatti, secondo una prima ricostruzione della polizia di Stato e della Digos che indagano, sarebbero iniziati intorno alle 15 in viale del Vignola, nella zona del Flaminio. Qui un gruppo di tifosi della Salernitana, circa 10, sono stati aggrediti in viale del Vignola, presumibilmente da ultras della Lazio. Un raid vero e proprio che parla di un campano accoltellato al gluteo, un altro pestato e con la mascella rotta – probabilmente colpito da un’asta di una bandiera o una spranga – e altri due feriti. Il ragazzo accoltellato è stato portato al Gemelli, gli altri tre sono stati portati al Santo Spirito. Non sono gravi.

Secondo quando ricostruito, dopo pranzo i tifosi della Salernitana – che non farebbero parti di gruppi ultras – stavano raggiungendo l’Olimpico a piedi, quando è scoppiata la violenza. Nell’assalto, sono state danneggiate anche tre auto in sosta. Sul raid sta indagando la polizia di Stato con il supporto della Digos.

Gli investigatori, subito dopo i fatti, hanno acquisito una serie di immagini video della zona del Flaminio e nei pressi dell’Olimpico, identificando – grazie alla targa di un’auto – sei ultras della Lazio.

La notizia dell’assalto, in pochi minuti, è arrivata sui telefonini dei tifosi della Salernitana. Nello spicchio dei granata all’Olimpico ci sono stati così momenti di tensione. Chi era lì ha lanciato fumogeni e petardi contro i laziali e gli steward presenti. Uno di questi è rimasto lievemente ferito. Anche in questo caso, chi indaga analizzerà le immagini video dello stadio. Chi ha lanciato oggetti prima e durante la partita rischia il Daspo.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *