Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Il ’Paraday’ abbatte altre barriere


Federico Mancarella, 30 anni, bronzo olimpico nella specialità del Kl2 200
Federico Mancarella, 30 anni, bronzo olimpico nella specialità del Kl2 200

Si chiama ’Paraday’ ed è la seconda edizione della giornata di promozione e di sviluppo dello sport paralimpico voluta e organizzata dalla polisportiva I Bradipi, società che, nel basket in carrozzina, vanta tre titoli tricolori a livello giovanile. L’appuntamento è per sabato, alle 9,30, al PalaSavena: ci saranno i campioni delle Due Torri, reduci dalle Paralimpiadi di Tokyo. Martina Caironi, 32 anni, che,…

Si chiama ’Paraday’ ed è la seconda edizione della giornata di promozione e di sviluppo dello sport paralimpico voluta e organizzata dalla polisportiva I Bradipi, società che, nel basket in carrozzina, vanta tre titoli tricolori a livello giovanile.

L’appuntamento è per sabato, alle 9,30, al PalaSavena: ci saranno i campioni delle Due Torri, reduci dalle Paralimpiadi di Tokyo. Martina Caironi, 32 anni, che, in Giappone, ha vinto due volte la medaglia d’argento nei 100 e nel lungo. E ci sarà Federico Mancarella, 30 anni, che in Giappone ha vinto il bronzo nella canoa nella specialità del Kl2 200. Fede, non contento del bronzo olimpico, s’è tolto la soddisfazione di vincere l’argento ai Mondiali. Con loro Eleonora Sarti, 35 anni, stella del tiro con l’arco che in Giappone, dopo aver ritoccato il primato mondiale, si è fermata ai quarti. Eleonora è una delle rarissime ragazze capace di indossare la maglia azzurra sia alle Paralimpiadi sia con la nazionale normodotati.

Assente giustificato il quarto moschettiere, Emanuele Lambertini, 22 anni, talento della scherma. In una giornata speciale ci saranno il presidente del Cip Emilia Romagna Melissa Milani, il delegato provinciale Roberto Cristofori, il numero uno del Coni regionale Andrea Dondi e l’assessora allo sport del Comune di Bologna, Roberta Li Calzi.

Alle 10,30 interazione con alcune classi dell’istituto tecnico Majorana. Durante la giornata sarà possibile giocare a basket in carrozzina, sperimentare il sitting volley, che metterà sullo stesso piano (seduti), disabili e normodotati. Non mancherà la Zinella, la società di Magda Melandri nella quale sono cresciuti il talento di Lambertini e altri giovani interessanti. Si giocherà a Baskin, subbuteo, calcio balilla, tennis in carrozzina, atletica e boxe. Dalle 15 gara di calcio a cinque (campionato di serie B con l’Aposa protagonista) ed esibizione di danza in carrozzina. Poi gara di calcio con i ragazzi del Bologna senza barriere.

Una giornata speciale per dimostrare che lo sport può davvero abbattere le barriere e risultare così inclusivo.

a. gal.

Fonte: ilrestodelcarlino.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *