Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Il Museo del Manifesto scalda i motori con un gustoso aperitivo: la mostra di Le Quernec al Lido Cluana

3′ di lettura 26/08/2020 – Scalda i motori il Museo della Grafica e del Manifesto che sta prendendo forma a Civitanova Alta. Dalla sinergia tra Cartacanta, Comune e Regione parte dalla palazzina sud del Lido Cluana l’esperienza della nuova realtà museale, la terza del suo genere in Europa, che si presenta con la mostra dedicata ad Alain Le Quernec, in programma dal 5 al 27 settembre prossimi.

Sarà il primo di tre eventi che faranno da lancio alla nuova struttura stabile che troverà posto in piazza Garibaldi a Civitanova Alta, dove saranno raccolti oltre 18 mila manifesti e che aprirà i battenti il prossimo 5 ottobre.

«Ad inizio mandato mi ero preso un impegno con Enrico Lattanzi e sono felice di averlo mantenuto – ha sottolineato il sindaco Fabrizio Ciarapica alla presentazione della mostra – un grazie ad Enrico, civitanovese e uomo di cultura che tanto ha fatto per la collettività su questo fronte e a Francesco Micucci che in Regione ha promosso una legge per Civitanova Città della carta e del manifesto. In questi giorni si è conclusa la prima parte di un programma estivo che ci ha regalato grandi e inaspettate soddisfazioni, viste le difficoltà iniziali nell’avviare la stagione nel rispetto delle norme anticontagio. A settembre inizierà il secondo atto del cartellone, con nuove iniziative e di grande qualità, quali appunto le mostre di grafica e l’apertura del Museo del Manifesto. La voglia di crescita di questa città non è solo da un punto di vista economico e commerciale ma anche culturale. Desidero sottolineare con orgoglio questa estrema vivacità culturale della città, sono poche le realtà con questa capacità di proporre una cultura a 360° che va dalla danza alla musica classica, dall’arte alla poesia».

Un ritorno alle origini per Lattanzi, già patron del festival Cartacanta che proprio al Lido Cluana nasceva 22 anni fa e che con la mostra finirà in soffitta. «Oggi in questi stessi spazi passiamo il testimone al Magma con la mostra di Le Quernec, artista libero, e con al nostro fianco due amministratori di diverso colore politico che hanno dimostrato di saper lavorare in sinergia in nome della cultura e della città – evidenzia il direttore del nuovo polo museale – ringrazio Ciarapica per aver mantenuto la parola data ad inizio mandato, con la concessione del palazzo comunale che ospiterà il museo, e Micucci per la lungimiranza della legge regionale che ci ha concesso già i primi finanziamenti. Abbiamo un comitato scientifico con nomi di livello mondiale e c’è già la promessa di concedere al museo anche il piano superiore in modo da ospitare ulteriori eventi».

L’attesa è tutta per il lancio vero e proprio del museo. «La Regione è attenta a valorizzare le realtà locali – sottolinea il capogruppo dem in Regione Micucci – con l’amministrazione Corvatta si erano posti i semi di questo progetto che la giunta Ciarapica ha portato avanti con impegno. Il museo non schiude le porte solo all’esposizione, ma sarà un centro di formazione per giovani talenti e le sue porte saranno aperte anche alle scuole. A Civitanova c’è la scuola di grafica e speriamo che l’interazione con il museo aiuti a formare nuovi giovani talenti».

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Civitanova.
Per Whatsapp aggiungere il numero 348.7699158 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.

Per Telegram cercare il canale @viverecivitanova o cliccare su t.me/viverecivitanova.

Sono attivi anche i nostri canali social: Facebook: facebook.com/viverecivitanova/ e Twitter: twitter.com/viv_civitanova.

Fonte: viverecivitanova.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *