Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Il mondo dello sport piange Giuliano Ceccarelli


Giuliano Ceccarelli in un’immagine di quando giocava e insieme a Sarri a Coverciano
Giuliano Ceccarelli in un’immagine di quando giocava e insieme a Sarri a Coverciano

Se n’è andato un grande sportivo massese ma prima ancora una stupenda persona, amata in città da tutti,. Giuliano Ceccarelli, 64 anni, si è spento dopo una lunga battaglia contro la sclerosi multipla che lo aveva reso prima disabile e poi infermo. Da diversi anni era allettato a casa accudito amorevolmente dai familiari. Ceccarelli è stato un ottimo calciatore dilettante che ha vestito la casacca del Romagnano…

Se n’è andato un grande sportivo massese ma prima ancora una stupenda persona, amata in città da tutti,. Giuliano Ceccarelli, 64 anni, si è spento dopo una lunga battaglia contro la sclerosi multipla che lo aveva reso prima disabile e poi infermo. Da diversi anni era allettato a casa accudito amorevolmente dai familiari. Ceccarelli è stato un ottimo calciatore dilettante che ha vestito la casacca del Romagnano vincendo il campionato di Seconda categoria e vantando poi militanze con Castelnuovo Garfagnana e Seravezza. Era una mezzapunta molto veloce e tecnica in un calcio di un tempo dove le categorie minori erano davvero toste e competitive. Al termine della carriera Giuliano, che lavorava come infermiere in ospedale, ha continuato a restare nel mondo del calcio come apprezzato allenatore di settore giovanile, sempre a Romagnano. Qui si mise in luce suo figlio Paolo, che arrivò sino alle giovanili della Fiorentina avendo sempre il suo prezioso sostegno, anche negli spostamenti. L’affetto della gente verso Ceccarelli era diventato ancora più forte dopo le tragedie che lo avevano colpito. Prima ancora della malattia c’era stata, infatti, la dolorosa scomparsa del giovane figlio Andrea. Il suo calvario era continuato con la perdita dell’uso delle gambe. Giuliano, persona dal carattere forte e positivo, non si era perso d’animo. Finché ha potuto ha continuato a svolgere una vita il più possibile vicino alla normalità girando per la città su di una carrozzina elettrica, il suo “cavallo di ferro” come lo chiamava lui. Alla fine ha dovuto arrendersi e affidarsi alle cure della moglie Nelly, dei figli Paolo e Francesca. Una famiglia unita che gli ha fatto sentire tutto l’amore sino alla fine. Ceccarelli frequentava spesso gli stadi e gli ambienti sportivi. Al Comunale seguiva le partite della Massese di cui era grande tifoso e per il quale il figlio Paolo adesso collabora come addetto al marketing. Proprio la Massese si stringe attorno alla famiglia in questo momento di dolore. “Buon viaggio Giuliano, non ti scorderemo mai” è il messaggio di condoglianze della società.

Gianluca Bondielli

Fonte: lanazione.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *