Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Il Comune aiuta le famiglie e stanzia trentamila euro per lo sport L’assessore: un diritto da garantire a tutti

Aiuti concreti alle famiglie che iscrivono i propri figli e le proprie figlie alle attività sportive e rimodulazione dei criteri di assegnazione dei contributi alle società. La linea dettata dall’assessore Alessio Pignotti per rilanciare il mondo sportivo a Sant’Elpidio a Mare è chiara e si basa su questi due punti fondamentali. Che si chiami ’welfare sport’ o…

Aiuti concreti alle famiglie che iscrivono i propri figli e le proprie figlie alle attività sportive e rimodulazione dei criteri di assegnazione dei contributi alle società. La linea dettata dall’assessore Alessio Pignotti per rilanciare il mondo sportivo a Sant’Elpidio a Mare è chiara e si basa su questi due punti fondamentali. Che si chiami ’welfare sport’ o in un altro modo ha poca importanza, la cosa fondamentale è che l’assessore ha inserito nel bilancio comunale del 2020 la bellezza di 30 mila euro a sostegno della pratica sportiva al fine di garantire il diritto allo sport a ragazzi e famiglie in condizioni di svantaggio economico. “La ‘Festa dello sport’ di quest’anno non sarà una manifestazione fisica come gli anni scorsi ma piuttosto un aiuto reale ai cittadini. L’esigenza in questo momento è dare una risposta concreta – dice Alessio Pignotti che ha incontrato gli uffici comunali e, con l’aiuto degli assistenti sociali, sta cercando di definire i criteri e le linee guida di questa proposta che dovrebbe partire già dal prossimo settembre –. Con i soldi che avanzeranno andremo ad aumentare i contributi istituzionali per andare incontro alle associazioni sportive. Prima però verificheremo e rimoduleremo i criteri di assegnazione degli stessi”.

Già in vigore in altri comuni, il progetto ’Welfare sport’ prevede un contributo erogato a favore delle associazioni (o direttamente alle famiglie) che, a loro volta, effettueranno una scontistica sulla quota annuale. Questo contributo permetterà ai genitori che non possono permettersi di iscrivere i propri figli all’attività calcistica, di pallavolo, tennis ecc. di aiutarli e incentivarli affinché i ragazzi possano praticare sport che, oltre ad essere divertimento e competizione, è uno dei principali strumenti di aggregazione e formazione dei giovani.

m. m.

Fonte: ilrestodelcarlino.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *