Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Il Baccanale scalda i motori Joey Guidone l’illustratore

Il Baccanale 2022 ha già il suo illustratore.

Sarà il 32enne Joey Guidone, artista italiano nato e cresciuto a Ivrea, in provincia di Torino, a realizzare l’immagine che accompagnerà la manifestazione in programma il prossimo autunno.

In attesa di ammirare il disegno, che verrà svelato dal Comune solo a ridosso dell’evento, l’autore ne anticipa i caratteri.

“Ho voluto creare l’immagine giocosa di un viaggio surreale alla scoperta del gusto – racconta –. Dato che il tema sono i ripieni, mi sono ispirato al celebre racconto di ‘Viaggio al centro della terra di Verne’. Centrale e iconica, l’illustrazione si presta alla lettura di tutti e desta la curiosità anche dell’occhio più distratto”.

Classe 1985, Guidone ha studiato illustrazione allo Ied di Torino e al Mimaster di Milano. Dal 2015 collabora come freelance con giornali e riviste, agenzie pubblicitarie, case editrici, studi di comunicazione aziendale, progetti istituzionali e testate indipendenti.

Ha già ottenuto diversi riconoscimenti. Tra i suoi clienti: Adobe, Barilla, The New York Times, Espn e The Wall Street Journal.

Al Baccanale ormai mancano meno di tre mesi.

Sabato 22 ottobre è infatti la data scelta per l’avvio della manifestazione enogastronomica e culturale che andrà avanti fino a domenica 13 novembre.

Una data anticipata rispetto al solito, che ufficialmente risponde all’esigenza di inaugurare al meglio la stagione autunnale, sfruttando il clima più mite degli ultimi giorni di ottobre. Ma che è stata scelta anche per agganciare le Finali mondiali Ferrari, in programma proprio dal 25 al 31 del mese in Autodromo.

Il tema scelto, intorno al quale come da tradizione, si svilupperà un programma fatto di incontri, degustazioni, visite, spettacoli, mostre, menu a tema e tanto altro ancora, è ‘Ripieni’.

Un tema apparentemente classico, ma ricco di sfaccettature e di possibili declinazioni.

Certamente viene spontaneo pensare prima di tutto alla pasta ripiena, che ha nella cucina italiana uno spazio enorme, con tantissime ricette sia tradizionali che innovative.

Ricette antiche che hanno nel ripieno il proprio punto di forza e di identità culturale.

E se già nell’antichità si usava la pasta e la si farciva variamente, ci sono nella storia della gastronomia anche moltissime tracce della pratica di farcire la carne o le verdure.

Pensiamo a Pellegrino Artusi, che dedica appositi capitoli della sua opera all’arte del ‘ripieno’.

Ma pensiamo anche a brani che hanno segnato la storia della letteratura, uno fra tutti il Gattopardo di Tomasi di Lampedusa.

Fonte: ilrestodelcarlino.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *