Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Icardi, cosa ti succede? A secco, bocciato e infortunato. E c’è chi rimpiange Cavani

La stampa francese ha “massacrato” la prestazione dell’ex interista contro il Lione. E pure Tuchel è insoddisfatto: “Per Mauro non è il miglior momento…”

Voto del Parisien: due. Voto dell’Equipe: altro due. E pure Tuchel comincia a far capire di non aver più molta pazienza, né fiducia. Magari pensando a Cavani in vacanza autoreclusa in Uruguay. Insomma, quella di Icardi comincia a essere una posizione scomoda, senza gol da far valere e accerchiato da media e tecnico insoddisfatti delle sue prestazioni. L’ex nerazzurro è uscito pure dolorante dalla finale di coppa di Lega vinta solo ai rigori con il Lione, ma non sarebbe nulla di grave.

FATICA

—  

I primi riscontri indicherebbero infatti un semplice affaticamento muscolare della coscia destra, subito comunque fasciata con ghiaccio per precauzione, quando ha dovuto cedere il posto al 13′ s.t.. Insufficiente la sua prestazione, quasi da incompreso in campo, mai davvero in sintonia né con Neymar né con Di Maria, con cui fino a prima della pausa imposta dal Covid-19, si trovava a occhi chiusi. Ieri invece tutto il contrario, come al 40′ quando è arrivato in gran ritardo su un bel cross teso da sinistra da Neymar, servito in profondità da Verratti: un tempo si sarebbe fatto trovare al posto giusto in area, e al momento giusto.

MANCANZA

—  

Tuchel a modo suo ha relativizzato, facendo però trasparire insoddisfazione, nella sua comunicazione ambigua: “Per Mauro non è il miglior momento, ma con gli attaccanti le cose vanno così. Anche se abbiamo sviluppato qualche azione in velocità, a volte c’è solo mancato Mbappé”. Alla vigilia, il tedesco aveva ricordato come, nell’altra finale, quella di coppa di Francia, vinta soffrendo con il Saint Etienne (1-0), non ci fosse stato più a disposizione Cavani, svincolato alla scadenza del contratto: “Un giocatore chiave”. Non proprio un incoraggiamento.

VOTI

—  

Come non lo sono i voti in pagella. Il Parisien spiega il 2 (il nostro 3, essendo 5 la sufficienza in Francia, ndr), parafrasando lo stesso giocatore che aveva dichiarato a France Football che Tuchel gli aveva affidato le chiavi della squadra: “Si vede che le ha perse”. Meno ironica l’Equipe: “Altra prestazione insipida, poco ispirato tecnicamente, non ha influito sul gioco”. Non cambia il voto: 2. Che pesa ancora di più visto che a firmare il rigore della vittoria è stato Sarabia, che l’ha sostituito.

Fonte: gazzetta.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *