Due motori e tre cambi. Al lancio, la gamma sarà limitata a due motorizzazioni, entrambe a benzina: 1.2 Mpi da 84 CV, abbinato al cambio manuale a cinque marce, e 1.0 T-GDi da 100 cavalli con sistema mild hybrid a 48 Volt Mild, che invece può fare coppia sia con un cambio manuale sei marce sia con l’automatico doppia frizione sette marce; la differenza di prezzo tra la versione aspirata e quella turbo della Bayon dovrebbe aggirarsi intorno ai 2.400 euro. A queste proposte si aggiungerà in un secondo tempo la variante da 120 CV del benzina T-GDi. Secondo i dati preliminari, la Bayon 1.2 Mpi dichiara una media, calcolata nel ciclo Wltp, compresa tra 134 a 143 g/km, mentre l’ibrida mild da 100 CV si ferma a 122-134 g/km. Per la Suv coreana sono previsti due allestimenti, i cui dettagli non sono ancora noti.