Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Housing sociale, a Orbassano 10% alloggi a disabili motori

(ANSA) – TORINO, 03 MAG – Un nuovo edificio di social housing
con il 10% delle abitazioni riservate a persone con grave
disabilità motoria e realizzate su misura per le loro esigenze.
    E’ “il primo in Italia con queste caratteristiche” il complesso
realizzato a Orbassano, alle porte di Torino, dalla cooperativa
edilizia ‘Di Vittorio’ sul progetto promosso dalla Città di
Orbassano, dal ‘Fondo Abitare Sostenibile Piemonte (FASP),
partecipato da Cassa Depositi e Prestiti (attraverso il Fondo
Investimenti per l’Abitare-FIA) con una quota del 66%, da
InvestiRE SGR (Gruppo Banca Finnat) e dalla fondazione Compagnia
di San Paolo. Questa mattina la consegna delle chiavi di casa ai
7 inquilini disabili, individuati attraverso una selezione con
evidenza pubblica, mentre sono fase in ultimazione gli altri 69
appartamenti, tutti realizzati secondo criteri di risparmio
energetico ed ‘ecosostenibilità’.
    “E’ una nuova modalità di fare housing sociale – spiega
Francesco Profumo, presidente della Compagnia di San Paolo –
perché non basta la condivisione degli spazi, ci vuole anche
l’inclusione. Un bell’esempio che fa da apripista, un segnale
che la comunità riesce a ritrovarsi anche nei momenti di
maggiore difficoltà e conserva la capacità di progettare il
futuro” .
    L’edificio, a quattro piani fuori terra, è stato costruito in
una zona di Orbassano ricca di verde, davanti a un altro
complesso di housing sociale con 96 abitazioni. “Un altro
importante tassello – osserva la sindaca Cinzia Maria Bosso –
nell’ambito del progetto diffuso su vasta scala ‘Orbassano senza
barriere’ che punta a rendere ogni luogo della città, dalle
strade ai negozi, pienamente accessibile per chi ha disabilità”.
    Un progetto “dal “contenuto sociale innovativo – sottolinea
LIvio Cassoli, del Team Investimenti Fia e Fnas della Sgr di
Cassa Depositi e Prestiti – certamente un ottimo esempio di come
le iniziative dei fondi da noi gestiti non si limitino ad
offrire residenzialità a prezzi e canoni calmierati, ma puntino
a fornire un contributo mirato per un fabbisogno specifico”
(ANSA).
   

Fonte: ansa.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *