Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Hascisc, coca e ketamina vendute anche nelle vie dello shopping “ai pischelli della Cagliari bene”


Condividi su

Le mosse sono quelle di sempre: soldi che passano da una mano all’altra e consegna della droga. Ciò che stupisce, stando ai risultati dell’operazione antidroga “Katerina” portata avanti in prima battuta dai carabinieri del comando provinciale di Cagliari, è l’agilità con la quale sono riusciti a muoversi gli spacciatori. La base cagliaritana di ketamina, hascisc e coca era a Is Mirrionis, ma le vendite avvenivano ovunque. Anche in via Garibaldi e via Manno e, più in generale, nelle vie dello shopping. Le famiglie impegnate a passeggiare e guardare le vetrine illuminate, i venditori di droga a pochi passi. Era sufficiente darsi appuntamento con chi voleva comprarla, l’affare illegale avveniva alla luce del sole. Uno dei pusher, intercettato mentre stava parlando con un collega, l’ha detto in modo chiaro: “Ci sono pischelli della Cagliari bene che hanno soldi, ne hanno comprato settanta euro in breve tempo”. Affari fiorenti, quindi, con una modalità abbastanza nuova: lo spaccio a “chiamata”. E “avevano buoni clienti anche tra i giovani”, è emerso durante la conferenza stampa dei carabinieri, pur precisando che “tra chi ha acquistato la droga non sono stati trovati minorenni”.
E fare arrivare la ketamina, invisibile e inodore, in Sardegna, è stato un gioco da ragazzi. Nascosta in bottiglie di vino identiche, in tutto e per tutto, a quelle che si trovano in vendita negli scaffali di supermercati ed enoteche: una tra le sostanze più pericolose al mondo, utilizzata per non far soffrire animali della stazza di un cavallo in caso di ferite molto gravi, è stata lavorata da uno degli arrestati, detto “il chimico”, in un anonimo appartamento del rione di Sant’Avendrace. La penultima tappa, l’ultima era la vendita, di un viaggio lungo che è iniziato in Olanda e Inghilterra.

news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *