Viva Italia

Informazione libera e indipendente

GP Algarve, Bagnaia vince, Ducati campione dei costruttori. Bandiera rossa alla fine, 2° Mir

La Ducati, sesto successo stagionale, domina a Portimao e conquista il titolo delle Case. Trionfo perentorio del piemontese davanti alla Suzuki dello spagnolo e Miller in una gara interrotta a 3 giri dal termine per una collisione fra Lecuona e Oliveira, con il portoghese portato via in barella

Dove eravamo rimasti? Francesco Bagnaia vince il GP dell’Algarve della MotoGP riprendendo il discorso interrotto bruscamente a 5 giri dalla fine del GP dell’Emilia Romagna a Misano, quando con la sua caduta quando era al comando ha consegnato il titolo a Fabio Quartararo. Stavolta il piemontese della Ducati non sbaglia, imprime un gran ritmo fin dalla partenza e tiene a bada un ritrovato Joan Mir: l’ex iridato della Suzuki rispolvera l’antica forma, ma deve accodarsi senza mai essere in condizione di attaccare Pecco.

Il successo vale doppio: consegna infatti alla Ducati il titolo dei Costruttori: una conferma importante per la casa di Borgo Panigale. Terzo Jack Miller a chiudere la festa rossa. A terra Fabio Quartararo, scivolato alla curva 5, quando era sesto: prima ‘x’ stagionale per lui dopo un week end opaco, affrontato con il relax della corona iridata già in testa. La gara è stata interrotta a 3 giri dalla fine con la bandiera rossa per un incidente fra Lecuona e Oliveira, con il portoghese portato via in barella e portato all’ospedale per una Tac precauzionale di controllo.

la ducati brilla e allunga

—  

Ottima prestazione per Bagnaia, che vince in modo perentorio, con un ritmo quasi alla Casey Stoner dopo i colloqui fra i due ai box, confermando le sue grandi doti: inevitabile avere dei rimpianti per una lotta mondiale contro Quartararo che Pecco poteva tranquillamente spingere fino alle ultime gare. La Ducati, sesto successo stagionale, conferma di avere una moto straordinaria e si impone nelle Case nel giorno in cui Iwata, con Quartararo a terra, raccoglie le briciole: la migliore Yamaha è infatti quella del team SRT di Valentino Rossi, 13°.

la gara

—  

Scelte di gomme univoche per i big, con Bagnaia, Miller, Mir e Quartararo con doppia media. Al via lo scatto di Miller dura poco: Bagnaia si porta in testa, inseguito da Mir, mentre Quartararo è ottavo in risalita. Bagnaia e Mir fanno gara a parte, con miller terzo e Alex Marquez Martin e Quartararo a lottare per il 4. posto. Aleix Espargaro cade, Alex Marquez passa Miller e diventa terzo e Quartararo perde terreno. Da metà gara Johann Zarco, con la hard al posteriore, inizia la risalita mentre Miller e Alex Marquez fanno da spadaccini per il 3° posto. Quartararo esce di scena e vanno a terra pure Miguel Oliveira e Iker Lecuona, con lo spagnolo che entra duro sul compagno di marca. È l’incidente che fa esporre la bandiera rossa al penultimo giro e che sigilla la classifica al terzultimo passaggio, con vittoria di Bagnaia, davanti a Mir; Miller; Alex Marquez; Johann Zarco, che vince il titolo die piloti indipendenti; Pol Espargaro; Martin; Rins; Bastianini e Binder.

MotoGP, GP Algarve: ordine di arrivo

—  

Ecco l’ordine di arrivo della MotoGP del GP dell’Algarve

1. F. Bagnaia (Ita – Ducati)
2. J. Mir (Spa – Suzuki) +2.478
3. J. Miller (Aus – Ducati) +6.402
4. A. Marquez (Spa – Honda) +6.453
5. J. Zarco (Fra – Ducati) +7.882
6. P. Espargaro (Spa – Honda) +9.573
7. J. Martin ( Spa – Ducati) +10.144
8. A. Rins (Spa – Suzuki) +10.742
9. E. Bastianini (Ita – Ducati) +13.840
10. B. Binder (Saf – Ktm) +14.487
11. T. Nakagami (Giap – Honda) +20.912
12. L. Marini (Ita – Ducati) +22.450
13. V. Rossi (Ita – Yamaha) +22.752
14. A. Dovizioso (Ita – Yamaha) +26.207
15. S. Bradl (Ger – Honda) +26.284
16. M. Vinales (Spa – Aprilia) +26.828
17. F. Morbidelli (Ita – Yamaha) +27.863
18. M. Oliveira (Por – Ktm) Rit.
19. I. Lecuona (Spa – Kmt) Rit.
20. F. Quartararo (Fra – Yamaha) Rit. 21. A. Espargaro (Spa – Aprilia) Rit.
22. D. Petrucci (Ita – Ktm) Rit.

Fonte: gazzetta.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *