Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Governo, la mascherina in pubblico torna obbligatoria.Multe fino a 3 mila euro

Governo, la mascherina in pubblico torna obbligatoria.Multe fino a 3 mila euro
(fonte Lapresse)


Governo, la mascherina in pubblico torna obbligatoria. Multe fino a 3 mila euro

L’emergenza Coronavirus continua in tutta Italia. I numeri sono in aumentano e vista anche la situazione in paesi come Francia e Spagna, il governo ha deciso per una stretta, stringere le maglie per sensibilizzare l’opinione pubblica ed «evitare un nuovo lockdown che non possiamo permetterci», dice il ministro della Salute Roberto Speranza ospite di “Mezz’ora in più”. L’obbligo di mascherina anche all’aperto su tutto il territorio nazionale, da giovedì, ormai è una certezza ma si dovrà passare domani per un voto del Parlamento. E le multe verranno inasprite, da 400 a 3mila euro per chi non le indosserà.

Si discute, poi, – si legge sulla Stampa – se far entrare nella bozza del Dpcm un limite ai partecipanti di eventi privati. Attualmente il numero è fissato a 200 nei luoghi chiusi e 1000 all’aperto, ma l’orientamento emerso prevede di non toccare il numero. E verranno confermate le misure di sicurezza per i trasporti, dalla capienza dell’80% sui mezzi pubblici alle norme per aerei, treni e navi. Probabilmente si imporrà il divieto di asporto di alcolici all’esterno dopo le 22. Il Cts, per ora, raccomanda verifiche serrate delle forze dell’ordine nelle zone della movida, insiste sul monitoraggio e convoca il commissario per l’Emergenza Domenico Arcuri, chiedendogli di iniziare a far scorta di dispositivi di protezione, tra mascherine e gel disinfettanti, per non trovarci impreparati all’arrivo della seconda ondata, soprattutto negli ospedali.

Lo schema è quello in vigore nel corso della fase 1, quando il premier firmava i Dpcm e le Regioni potevano emettere misure più restrittive. Così il governo affronta la seconda ondata, permettendo ai governatori soltanto di adottare provvedimenti più rigorosi, mai deroghe rispetto alle misure nazionali. Il 18 maggio si decise di restituire ai governatori pieni poteri di intervento — sulla base dell’andamento della curva e sotto la propria responsabilità— ma con l’aggravarsi della situazione è forte la tentazione di tornare indietro.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *