Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Governo Draghi, incentivi auto a rischio

Con il passaggio dal precedente governo Conte al nuovo governo Draghi, diversi bonus a sostegno dei cittadini e delle famiglie con redditi bassi, previsti nella Legge di Bilancio 2021, potrebbero non sopravvivere. Tra i bonus in ballo ci sono anche gli incentivi statali per l’acquisto di nuove automobili.

Su tutti, l’agevolazione più a rischio è quella relativa agli incentivi per acquistare nuove auto elettriche. Il bonus prevede uno sconto del 40% sull’immatricolazione di automobili green per i nuclei famigliari con Isee inferiore ai 30 mila euro.

Per fronteggiare la crisi del settore, il Governo Conte aveva proposto nuovi incentivi su auto e moto: sul piatto erano stati messi 700 milioni di euro destinati ai cittadini che desideravano acquistare un veicolo a basse emissioni nel corso del 2021, sia per le auto M1 con al massimo 8 posti, sia per la categoria N1 di cui fanno parte i veicoli commerciali leggeri. Negli incentivi erano incluse anche i motocicli L1, ovvero i motorini con cilindrata 50 cc.

Per i veicoli con emissioni di CO2 da 0 a 20 g/km erano previsti incentivi di 6.000 euro con la rottamazione e 4.000 euro senza, mentre per i veicoli con emissioni di CO2 da 21 a 60 g/km gli sconti andavano dai 2.500 euro in caso di rottamazione a 1.500 euro senza.

Questo bonus potrebbe presto subire uno stop: il termine ultimo per il via libera era stato fissato a 30 giorni dall’entrata in vigore della Legge di Bilancio 2021: dal Ministero dello Sviluppo Economico, tuttavia, ancora non è stato comunicato nulla riguardo i termini e le modalità della concessione.

Restando in tema di incentivi auto, al momento risulta bloccato anche il decreto attuativo che avrebbe dovuto confermare l’aumento di 9,95 euro del costo della revisione auto e attuare i bonus veicoli sicuri. La competenza spetta al ministero della Infrastrutture e dei Trasporti, ma per il momento da Villa Patrizi tutto tace.

Per sapere se il Governo consentirà ai cittadini italiani di poter accedere agli incentivi auto bisognerà attendere. Nel frattempo anche altre agevolazioni sono in bilico: dal bonus smarpthone al bonus occhiali, fino ad arrivare agli incentivi previsti per le famiglie e per le aziende che intendono cambiare i vecchi rubinetti con dei modelli anti-spreco dell’acqua.

Fonte: motori.virgilio.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *