Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Governo Draghi, ecco come sono cambiate cerimonia e foto del giuramento a causa del Covid

Mascherine e distanziamento in sala, una penna diversa per ognuno dei nuovi ministri e tre file lontane l’una dall’altra nel salone dei Corazzieri durante la foto di rito: così si è svolta la cerimonia del giuramento al Quirinale per i 23 ministri del governo presieduto da Mario Draghi. Le norme anti Covid hanno stravolto il protocollo abituale e la differenza con il giuramento dell’esecutivo Conte bis è apparsa piuttosto evidente (AGGIORNAMENTI IN DIRETTA – IL GIURAMENTO DI TUTTI I MINISTRI – AGGIORNAMENTI COVID).

L’arrivo al Quirinale e la nuova disposizione delle sedie

approfondimento

Governo Draghi, chi sono i ministri

Una volta arrivati al Quirinale per il giuramento, i ministri hanno conversato tra loro nel salone delle feste in attesa dell’arrivo del presidente della Repubblica e dell’inizio della cerimonia. Giancarlo Giorgetti, Luigi Di Maio e Stafano Patuanelli – a debita distanza l’uno dall’altro nel rispetto delle regole Covid – hanno parlato per alcuni minuti, così come Vittorio Colao con Luciana Lamorgese, mentre Mara Carfagna ha scambiato opinioni poco lontano con Andrea Orlando che poi si è avvicinato a Lorenzo Guerini e a Roberto Speranza. Il salone è stato chiuso ai cronisti. Sono inoltre sparite le due lunghe file di sedie riservate ai ministri, solitamente sistemate lungo il lato lungo della sala: le poltrone sono state sistemate al centro del salone, a una notevole distanza l’una dall’altra. 

Una penna per ciascun ministro

approfondimento

Dal giuramento al voto di fiducia: l’agenda di Draghi

Per rispettare le norme igieniche, è stata consegnata una penna per ognuno dei 23 ministri del governo Draghi: la squadra del neopremier ha firmato usando ciascuno una stilografica diversa, cambiata di volta in volta dai messi nel salone delle Feste del Quirinale. Unico a firmare con la sinistra Lorenzo Guerini, riconfermato alla Difesa. Tutti i ministri, così come il presidente della Repubblica e il presidente del Consiglio, hanno mantenuto la mascherina per tutta la durata del giuramento e delle firme. Una curiosità: a tenere la maggiore distanza dalla scrivania, il ministro della Salute Roberto Speranza. Al termine della cerimonia, i nuovi ministri con il premier Draghi e il capo dello Stato Mattarella si sono spostati nel salone dei Corazzieri per la foto di rito, anche lì sono stati distanziati in tre file.

La foto nel salone dei Corazzieri

Senza mascherine, a distanza e alternati su tre livelli su un palchetto allestito ad hoc nel salone dei Corazzieri del Quirinale. Così sono stati immortalati i 23 ministri del nuovo governo Draghi nella foto di rito scattata al Colle, insieme a Sergio Mattarella. A differenza della squadra del governo Conte, ora fra i colori scelti per il dress code dominano il nero e il blu scuro. Nel precedente esecutivo a ‘sparigliare’ era stata la ministra dell’Agricoltura Teresa Bellanova con un abito azzurro e quella del Lavoro Nunzia Catalfo in completo beige.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *