Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Google, USA pronti a farle causa per posizione dominante su pubblicità e motori di ricerca

Il Dipartimento di Giustizia statunitense sarebbe pronto a citare in giudizio Google entro la settimana prossima per posizione dominante sui motori di ricerca e in ambito pubblicitario: secondo il DOJ, ora in attesa della firma della causa federale da parte dei procuratori generali, gli algoritmi di Big G comporterebbero vantaggi all’azienda.

La causa dovrebbe accusare Google di cercare di svantaggiare rivali come Bing, il motore di ricerca di casa Microsoft, privandoli dei dati degli utenti e delle loro preferenze, usati per migliorare l’esperienza d’uso tramite le pubblicità più adatte al consumatore in questione che, nel caso della compagnia di Mountain View, verrebbero posizionate esattamente sotto il campo di ricerca del motore a discapito degli altri siti web che competono per le prime dieci posizioni nei risultati.

Secondo il DOJ, Google controllerebbe anche la vendita degli spazi pubblicitari nelle ricerche mirate degli articoli di consumo avvantaggiando. Tutte queste accuse per Big G sono comunque infondate, anzi l’azienda ha ribadito di non avere alcuna posizione dominante sia nella ricerca che nelle pubblicità, dato che ci sarebbero servizi come Amazon e Twitter come concorrenti. Tali colossi del mondo tech però non competono nello stesso mercato dei motori di ricerca, dunque per il Dipartimento di Giustizia tali affermazioni non sarebbero sufficienti.

Google, in precedenza messa sotto la lente dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato italiana, non è comunque l’unica grande compagnia tech a dover affrontare una causa del DOJ: anche Apple, Amazon e Facebook ad agosto sono state prese di mira dall’antitrust USA.

Fonte: tech.everyeye.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *