Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Gli arbitri aprono alla svolta: pronto un canale tematico

AIA e Federcalcio dietro al progetto. L’idea sarebbe di partire già a gennaio. Trentalange: “Per il bene del calcio”

Un canale tematico, con trasmissioni a cadenza ancora da stabilire ma con anche tempistiche elastiche calibrate a seconda degli eventi, degli episodi: la svolta degli arbitri in video potrebbe avvenire già a gennaio, perché nella mente dell’Aia, in tandem con la Federcalcio, c’è l’idea di creare uno spazio (inizialmente on-line) che apra il mondo arbitrale a quel mondo esterno che spesso gli arbitri li vede come un pianeta “inespugnabile”. Uno spazio esplicativo, una “mossa” di avvicinamento e trasparenza. Il presidente dell’AIA Alfredo Trentalange lo aveva praticamente annunciato a “Rai-GRParlamento” il 20 dicembre. “A noi piacerebbe avere uno spazio, un canale di comunicazione che dobbiamo aprire per poter dare chiavi di lettura tecniche: credo sia per il bene del calcio. Con la Federazione ci stiamo pensando, ci stiamo lavorando e attivando, c’è un lavoro intenso in questo senso”.

episodi

—  

L’idea è effettivamente in gestazione da tempo: quante volte si è detto che gli arbitri dovrebbero comunicare? Migliaia. E quante volte gli arbitri, soprattutto recentemente, hanno aperto a questa possibilità? Altrettante. Ecco: forse il 2022 diventerà l’anno della svolta. Un primo passo (prodromico) lo si è avuto a Lissone quando sono stati aperti gli audio arbitro-Var per un ristretto gruppo di giornalisti creando di fatto una prima breccia. All’alba del 2022 potrebbe quindi esserci una sterzata ulteriore: questa volta anche verso il pubblico. La base operativa del canale (inizialmente on line, stando ai sussurri) sarà nella casa della Federcalcio: un canale istituzionale in cui il designatore Gianluca Rocchi interverrà con cadenza ancora da stabilire e in cui potrà spiegare episodi avvenuti durante il campionato. Quanto agli audio pubblicabili, beh, quello verrà valutato. Lo stesso designatore proprio nell’incontro informale nel Centro-Var, aveva detto: “Il rigore Dumfries-Alex Sandro? Non sta a me parlare dell’audio di una procedura che comunque è stata corretta, non sarebbe serio, ma prima o poi, non so quando, verrà reso pubblico”. Trattasi insomma di un altro primo passo: pubblico e per il pubblico.

Fonte: gazzetta.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *