Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Giorgi saluta New York: “Non è un dramma, il tennis è solo un lavoro”

Camila, che a Ferragosto a Montreal aveva conquistato il titolo più importante della carriera, lotta ma esce al 1° turno contro Halep 6-4 7-6

Si spengono subito le luci di New York per Camila Giorgi. La gioia di Montreal a Ferragosto, il primo 1000 conquistato in carriera contro la Pliskova, è solo un ricordo. Davanti a papà Sergio, che in Canada non aveva potuto festeggiarla, Camila si arrende in due set 6-4 7-6(3) a Simona Halep. La romena era praticamente al rientro dopo l’infortunio al polpaccio sinistro, era a corto di partite giocate ma l’esperienza di due Slam conquistati, l’ha aiutata a togliersi d’impiccio.

Rimpianti

—  

Camila si presenta in conferenza stampa comunque serena, anche se l’occasione di battere una Halep non al top era piuttosto ghiotta: “Non penso che la vittoria di Montreal mi abbia distratto – spiega -. Semplicemente oggi non ha funzionato minimamente la mia risposta”. Resta una consapevolezza: “Mi dispiace aver perso ma non succede nulla. Per me il tennis è un lavoro, non è la vita. Ogni giorno preparo il borsone e vado a lavorare. In futuro farò altri lavori, la mia vita è fuori. Anzi, a volte è quasi difficile lasciare casa per venire a giocare a tennis”. Intanto pensa ai prossimi appuntamenti: “Sicuramente Chicago, c’è ancora abbastanza da fare da qui a fine stagione”.

La partita

—  

Camila parte abbastanza decisa, ma game dopo game la Halep inizia a prendere il ritmo fino a conquistarsi tre palle per il 5-4. Camila sbaglia e di fatto consegna il primo set alla romena ora numero 13 del mondo, che chiude facilmente 6-4. Il passaggio a vuoto della Giorgi continua, e subisce un break con un dritto sparato malamente in rete. Non si arrende però la campionessa di Montreal che si riprende il servizio perduto per agganciare la Halep sul 5-5. Peccato che con la Giorgi non si possa mai stare tranquilli e infatti Halep le strappa di nuovo la battuta per andare a servire sul 6-5. Camila si aggrappa alla partita con i denti, salva due match point e si guadagna l’accesso al tie break. Inizio con minibreak e controminibreak, poi la romena sale e chiude con cinque punti consecutivi.

Errani battuta

—  

Lascia il torneo anche Sara Errani. La romagnola non è mai riuscita a entrare davvero in partita contro la russa Ekaterina Alexandrova che l’ha liquidata 6-2 6-3.

Fonte: gazzetta.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *