Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Funivia, gli operai: «Tadini disse che il cavo non si sarebbe rotto». Il giudice: «Agì con leggerezza sconcertante»

Funivia Mottarone. «Prima che si rompa una traente o una “testa fusa” ce ne vuole». Queste le parole di un dipendente della funivia che tirano in ballo Gabriele Tadini, caposervizio della funivia. Il dipendente diventa un testimone fondamentale nell’inchiesta sulla strage di Stresa. Queste dichiarazioni compaiono nell’ordinanza del gip. Magistrato che ieri ha fatto scarcerare il gestore dell’impianto, Luigi Nerini, e il direttore d’esercizio Enrico Perocchio mentre ha stabilito i domiciliari per il caposervizio Tadini. Si alleggeriscono, quindi, le posizioni di Nerini e Perocchio. Nei confronti dei due, come emerge da diversi passaggi dell’ordinanza, non ci sono ad oggi elementi che giustifichino la detenzione. Diverso il quadro per il caposervizio, oltre alle parole del dipendente testimone, lo stesso Tadini ha ammesso di aver inserito lui i blocchi ai freni della cabina.

Funivia, legale Nerini: “Non toccava a lui fermare l’impianto”

L’ORDINANZA – Quando al tecnico, Tadini, «ordinò di non rimuovere il ceppo dalla cabina 3» un giorno, l’altro gli chiese, stando a ciò che emerge dal verbale, se la cabina potesse viaggiare «con persone a bordo e ceppo inserito». A quel punto, stando al racconto del testimone, Tadini avrebbe replicato che prima che si rompa un cavo traente, (quello che si spezzò poi il 23 maggio) «ce ne vuole». 

Il testimone ha spiegato agli inquirenti che Luigi Nerini, il gestore dell’impianto, «ascoltava solo quello che gli diceva Tadini» e ha ricordato che nel 2012 il titolare della funivia del Mottarone parlando in merito al «pericolo sul lavoro in funivia mi disse che tanto non sarebbe mai successo niente» e «questa frase mi rimase impressa perché poi il mese dopo fui costretto a calare 38 persone da una cabina rimasta bloccata». Il gip fa notare che a partire dalle dichiarazioni dei dipendenti, che hanno tutti chiamato in causa Tadini, quest’ultimo avrebbe dovuto essere sentito subito come «indagato» e non prima come testimone. E specifica che le dichiarazioni dei lavoratori «minano profondamente» la sua «credibilità» quando accusa Nerini e il direttore di esercizio Perocchio.

ARRESTI DOMICILIARI – Per il giudice, che ha smantellato l’impianto accusatorio fondato sulle dichiarazioni del capo servizio, il modo di agire di Tadini induce a ritenere che «non abbia la capacità di comprendere la gravità delle proprie condotte e che, trovandosi in analoghe situazioni reiteri con la stessa leggerezza altre condotte talmente pregiudizievoli per la comunità» si legge nel provvedimento di 23 pagine. I domiciliari vengono concessi visto che è incensurato, per la confessione resa e il contesto familiare in cui vive. Mentre è concessa la libertà (restano indagati) per il gestore della struttura Luigi Nerini e il direttore di esercizio Enrico Perocchio, tirati in ballo dalla confessione di Tadini. 

Funivia Mottarone, il giudice: «Pochi indizi». Liberi direttore e gestore, Tadini ai domiciliari

IL DISPOSITIVO – Non sono in «alcun modo convincenti» le «ragioni», individuate dalla Procura di Verbania, e «tutte di ordine economico», che avrebbero portato a disattivare il freno di emergenza della funivia del Mottarone con presunte «pressioni» sul caposervizio Gabriele Tadini. Ragioni indicate dai pm «in termini di risparmio della Leitner rispetto ai costi di manutenzione e del Nerini», il gestore, «in termini di corrispettivo corrisposto dagli utenti» che sarebbero diminuiti in caso di stop per manutenzione. Lo scrive il gip. Per il gip non ci sono motivi per i quali il direttore di esercizio Enrico Perocchio avrebbe dovuto «avallare» la decisione di Tadini. Perocchio «è dipendente della Leitner, percepisce uno stipendio dalla Leitner, la quale a sua volta percepisce annualmente dalla Funivie Mottarone» 127mila euro all’anno per la manutenzione. E, si chiede il gip perché Perocchio avrebbe dovuto dare l’ok a quella «scelta scellerata»? 

Funivia Mottarone, dal cavo strappato ai controlli: tante domande senza risposta

I VERBALI – E ancora: «Che interesse avrebbe avuto la Leitner a mantenere in cattive condizioni l’impianto di Stresa?». Quest’ultima società aveva «tutto da perdere dal malfunzionamento della funivia» e pure Perocchio «in termini di professionalità e reputazione». Erano stati già eseguiti due interventi in 20 giorni per tentare di risolvere il problema al freno e un terzo «era in programmazione»: un «colosso come Leitner» non avrebbe avuto alcuna convenienza a non «ottemperare al contratto di manutenzione». Infine, si chiede ancora il gip: «Perché Nerini avrebbe dovuto avallare una simile prassi?». La «stagione turistica» non era ancora in pratica iniziata, anche a causa del Covid, e sarebbe stato certo «più ragionevole», spiega ancora il gip, approfittare del periodo per interventi di manutenzione, senza troppe perdite economiche.

L’ASSICURAZIONE – Inoltre esiste un’assicurazione che «copre» il gestore della funivia del Mottarone, Luigi Nerini. È quanto si ricava da un altro passaggio dell’ordinanza con cui il gip di Verbania, rilevando l’inesistenza del pericolo di fuga, non ha convalidato il fermo degli indagati. Il giudice, soffermandosi sulla mancanza del pericolo di fuga, osserva che «nessun elemento poteva far ritenere la volontà di allontanarsi» e «tanto meno, come pure ipotizzato dal pm, il pericolo di fuga potrebbe configurarsi nella necessità di sottrarsi a un ingente risarcimento del danno: ha una assicurazione e anche laddove non vi fosse la copertura assicurativa per le ipotesi di dolo, a maggior ragione Nerini avrebbe avuto l’interesse a restare sul territorio e a difendersi da tale accusa anche per evitare le gravissime ripercussioni economiche su tutta la sua famiglia».

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *