Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Flat tax, il governo Meloni alza la soglia a 85mila euro di reddito: come funziona e chi potrà usufruirne

L’esecutivo non potrà estendere la platea a tutti coloro che guadagnano meno di 100mila euro: le differenze con quanto proposto in campagna elettorale

Pubblicato il:

Nel corso della campagna elettorale che ha portato al voto del 25 settembre, la maggioranza di centrodestra che sostiene il governo di Giorgia Meloni ha puntato in maniera convinta sull’estensione della flat tax come misura per rilanciare l’economia e diminuire la pressione fiscale per i lavoratori autonomi. In particolare, il segretario della Lega Matteo Salvini ha dichiarato in diverse occasioni che l’ampliamento della platea dei beneficiari sarebbe stato uno dei temi affrontati dal nuovo esecutivo durante il primo Consiglio dei ministri.


trovare le risorse necessarie da destinare a famiglie e imprese messe in ginocchio dal caro bollette. L’emergenza energetica ha prevalso per ordine di importanza su ogni altro argomento, rinviando alle successive riunioni la discussione sulle misure bandiera da inserire nella prossima legge di Bilancio.

Flat tax, cosa propone la Lega e quanti sono i lavoratori interessati

Vista la presenza di un esponente di spicco come Giancarlo Giorgetti nella compagine ministeriale, il Carroccio punta ad avere un ruolo di peso nel dibattito economico dei prossimi mesi. Nonostante le molte difficoltà che il governo sta incontrando nel reperire risorse per finanziare nuovi interventi, il titolare dell’Economia non intende accantonare del tutto le proposte su cui si fonda il programma leghista, a cominciare proprio dall’estensione della flat tax.

La volontà del partito sarebbe quella di estendere la platea dei lavoratori autonomi che possono usufruire della tassa piatta al 15%. Infatti, ad oggi la misura è già in vigore per tutti i titolari di partita iva che dichiarano meno di 65 mila euro l’anno di fatturato. Un parterre di professionisti, artigiani e commercianti che conta circa 2,1 milioni di lavoratori autonomi in tutto il Paese.

Flat tax, perchè il governo non può estenderla fino a 100mila euro di reddito

La proposta della Lega è quella di ampliare il numero di beneficiari di altre 240 mila unità. L’allargamento della fascia di cittadini destinatari dell’agevolazione avverrebbe innalzando la soglia di reddito a quota 100 mila euro annui. Si tratterebbe di un incremento dell’11% rispetto alla situazione attuale: un cambiamento che diversi economisti (dall’ex numero uno dell’Inps Tito Boeri all’attuale presidente dell’Università Luiss Guido Carli Vincenzo Boccia) hanno giudicato come troppo onerosa per l’erario pubblico.

Il costo che una scelta di questo genere avrebbe per le casse dello Stato viene quantificato da diversi studi nell’ordine di diverse decine di miliardi di euro. Per questo motivo la misura stenta a decollare, imponendo al governo l’obbligo di esplorare altre soluzioni per rendere più sostenibile la modifica voluta dal Carroccio (ma appoggiata anche da Forza Italia e da Fratelli d’Italia).

Flat tax, la scelta del governo Meloni per inserirla nella legge di Bilancio

L’ipotesi che sta prendendo piede negli ultimi giorni è che si arrivi ad un incremento della platea dei beneficiari includendo i liberi professionisti che dichiarano fino a 85 mila euro l’anno. Il deputato leghista Federico Freni – appena nominato sottosegretario all’Economia dopo aver già ricoperto lo stesso ruolo nel governo di Mario Draghi – ha confermato la volontà di estendere la tassa piatta al 15% ad un numero di lavoratori maggiore rispetto a quello attuale, anche se non sarà possibile includere tutti coloro che guadagnano meno di 100 mila euro l’anno.

Fonte foto: Ansa

I margini di trattativa paiono molto risicati soprattutto in virtù delle poche risorse a disposizione del governo per la legge di Bilancio. È stata la stessa Giorgia Meloni in conferenza stampa a specificare come i 21 miliardi di euro che verranno recuperati dall’innalzamento del deficit al 4,5% nel 2023 (era stato fissato al 3,9% dal precedente esecutivo) serviranno interamente per coprire gli aiuti contro il caro bollette. La premier ha anche sottolineato come ogni altra misura non potrà essere sostenuta dalle risorse che arriveranno da questo scostamento di bilancio.

Flat tax, quanto costa ampliarla e come verrà finanziata

Ma allora ci si domanda come la Lega intenda procedere per trovare i soldi necessari a realizzare la flat tax al 15% per tutti i lavoratori sotto gli 85 mila euro annui di reddito. Stando alle ultime dichiarazioni, le voci su cui il governo intende intervenire per trovare nuove fonti di finanziamento sono due:

  • il Reddito di cittadinanza
  • il Superbonus edilizio al 110%

In merito al primo tema è intervenuto il senatore del Carroccio e sottosegretario al ministero del Lavoro Claudio Durigon (anche lui ha già ricoperto questa carica, ma durante il primo governo di Giuseppe Conte). La sua proposta prevede un risparmio di circa 3 degli 8 miliardi di euro che ogni anno servono per finanziare il Reddito.

Fonte foto: ANSA

La riduzione della spesa avverrebbe tramite l’applicazione di alcune modifiche mirate sul testo attuale. Nello specifico, la stretta porterebbe alla decadenza del diritto dopo il rifiuto di una sola offerta di lavoro (oggi sono due), mentre l’assegno percepito non sarebbe più fisso ma andrebbe a scalare nel corso del tempo.

Flat tax, quando entrerà in vigore l’estensione a 85mila euro d reddito

Per quanto riguarda invece lo sgravio sui lavori edili di efficientamento energetico, la volontà dell’esecutivo (illustrata di recente proprio dal ministro Giorgetti) sarebbe quella di passare dalla soglia attuale del 110% per i condomini ad un più sostenibile 90% a partire dal 1° gennaio 2023.

In questo modo il peso economico per lo Stato verrebbe alleggerito di diversi miliardi (sono state fatte diverse stime, non sempre concordanti), che andrebbero a finire in maniera preventiva nella Manovra che il governo dovrà approvare in Parlamento entro il prossimo 31 dicembre.

Flat tax, come funziona oggi e quanto si può risparmiare

In un quadro così complicato, ad oggi l’unica certezza riguarda il meccanismo che regola la tassa piatta. Parliamo di un’imposta che prevede un’unica aliquota fissa su tutto il reddito imponibile annuo. Ad oggi, tutti coloro che dichiarano un volume di entrate inferiore a 65 mila euro nei dodici mesi usufruiscono di una tassazione al 5% per i primi cinque anni, che sale al 15% dal sesto anno in poi.

Inoltre la flat tax sostituisce tutte le altre imposte previste per chi rientra sotto il regime di tassazione ordinaria. Tra queste ci sono le imposizioni sui redditi (Irpef), le addizionali regionali e comunali, le tasse sulla attività produttive (Irap) e l’Iva sulle vendite. Ricordiamo che ci sono due categorie di persone che non possono usufruire della tassa piatta: i cittadini titolari di quote di qualsiasi percentuale all’interno di società intestate a persone e i cittadini intestatari di società a responsabilità limitata (srl).

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *