Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Firenze, pronto soccorso nel caos e i medici pensano a dimissioni di massa

Firenze, 15 giugno 2022 – Purtroppo non è solo una provocazione. I medici dei pronto soccorso della Toscana sono sfiniti. E pronti a rivoluzionare tutto se qualcuno non prenderà in mano la situazione con iniziative radicali. Tra superlavoro e aggressioni non ce la fanno più. Alcuni gruppi di medici dell’emergenza urgenza si sono già riuniti pensando alle dimissioni di massa. Non per abbandonare il lavoro, ma per tentare di risolvere il problema – anzi, i problemi – da soli. Abbandonando l’impiego per formare un consorzio che poi venderebbe le prestazioni a cifre che riconoscano l’impegno, la responsabilità, il sacrificio che ogni giorno i medici dell’emergenza urgenza mettono nel loro lavoro.
La soluzione, sintomo di un prolungato malessere, segnerebbe l’inizio della fine del sistema sanitario pubblico per come lo conosciamo.
In qualche modo questa cosa era nell’aria. Ne aveva parlato su queste pagine il presidente toscano della Società di medicina di emergenza urgenza, Marcello Pastorelli due mesi fa. Poi l’allarme era stato rilanciato al ministro Roberto Speranza, dall’assessore regionale alla sanità Simone Bezzini, lunedì scorso. “Chiediamo che il governo intervenga subito con una misura urgente per salvare i pronto soccorso, altrimenti si rischia che il servizio venga appaltato ai privati: altre regioni si stanno già muovendo”, aveva detto Bezzini nel suo discorso agli Stati generali della salute in Toscana.
E in effetti il rischio è più concreto anche di quanto lo stesso assessore credesse. I medici dell’emergenza urgenza si stanno riunendo in queste ore. Molti avevano già lasciato: il fenomeno delle dimissioni era cominciato a settembre dello scorso anno e già prima i malumori stavano cominciando a far prendere decisioni in tal senso. Tanti hanno preferito cambiare, alcuni costretti a tornare a fare il tirocinio per poter fare il medico di famiglia.
Ora c’è questa nuova ipotesi alla quale stanno lavorando: …

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *