Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Finte cure contro il Covid-19: 60 siti oscurati. Sequestrati un milione di mascherine e 45mila gel

Una campagna di controlli dei Nas lunga tutta l’estate, da inizio giugno a fine settembre. Il risultato sono 60 siti web che vendevano false cure contro Covid oscurati, oltre 14.200 ispezioni svolte in Italia, dalle Rsa ai ristoranti, un milione di mascherine e 46mila gel igienizzanti fuori norma sequestrati. “La battaglia per difendere il diritto alla salute – ha commentato il ministro della Salute Roberto Speranza – è centrale sempre, ma lo è ancor di più in una fase delicata di epidemia, come quella che abbiamo vissuto e stiamo vivendo” e per condurla “abbiamo bisogno di grande unità tra i pezzi della Repubblica”.

La campagna di controlli realizzata dai carabinieri è stata condotta attraverso indagini e ispezioni dal primo giugno al 30 settembre 2020 su tutto il territorio nazionale e anche in rete. Sono 60 i siti web localizzati all’estero oscurati perché vendevano prodotti che vantavano inesistenti proprietà curative anti-covid e farmaci vietati a causa dei gravi effetti collaterali. Nel corso dei controlli, sono state eseguite dai Nas 1.161 ispezioni nelle Rsa, nel 20% delle quali sono state riscontrate gravi irregolarità, da quelle igieniche a quelle strutturali. Tra queste, 380 segnalazioni riguardavano locali che non rispettavano le misure previste dai Dpcm per il contenimento dell’epidemia, come il distanziamento dei tavoli, la predisposizione di dispensatori per gel igienizzanti e l’uso di mascherine da parte dei dipendenti o dei clienti. “Un dato tutto sommato limitato, che fa emergere la consapevolezza degli operatori dell’importanza di rispettare le misure” previste per arginare il contagio, ha sottolineato il comandante dei Nas, Paolo Carra.

Tra i controlli effettuati, 5.500 sono state effettuate in stabilimenti balneari, villaggi turistici, discoteche, bar e gelaterie, agriturismi e servizi di ristorazione. In 1.625 sono state riscontrate irregolarità, pari a una attività su tre. In totale sono 235 gli esercizi di ristorazione o turistici chiusi, 1.700 persone sono state denunciate all’autorità giudiziaria o amministrativa e 44 tonnellate di prodotti alimentari sono stati sequestrati.

Le infrazioni più frequenti riguardavano carenze igieniche dei locali, mancata applicazione delle misure di tracciabilità degli alimenti o etichettatura irregolare, cattiva conservazione dei cibi e frode, come il pesce congelato offerto come fresco. “Nel periodo dell’emergenza coronavirus – ha commentato il comandante dei Carabinieri, Giovanni Nistri – c’è stato un aumento delle attività sul territorio e l’auspicio è che questa tendenza sia confermata nei mesi futuri, perché saranno sicuramente tempi da attenzionare per quanto riguarda il commercio illecito di mascherine, gel igienizzanti e presunti farmaci miracolosi”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Rivolta nel Centro rimpatri di via Corelli a Milano: tra le proteste alcuni migranti tentano la fuga. Quattro feriti non gravi

next

Articolo Successivo

La Valle d’Aosta vieta le visite alle Rsa pubbliche e private. Le strutture dovranno garantire videochiamate con le famiglie

next

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *