Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Fiesta o Puma? M-Sport deve ancora decidere il nome per la sua Rally1

Non conosciamo ancora quale nome ci sarà sulla targhetta della Ford Rally1 WRC ibrida del 2022, nel frattempo le discussioni sull’argomento continuano tra M-Sport e Ford stessa.

Martedì, la squadra britannica ha rilasciato alcune immagini del suo prototipo Fiesta Rally1 su asfalto e sterrato. Da allora, sono emersi video sui social media dell’auto mentre viene messa alla prova con un test sullo sterrato in Spagna, con Matthew Wilson alla guida.

Questi scatti hanno anche rivelato la cella di sicurezza di nuova concezione della FIA, un altro elemento chiave del prossimo ciclo di regole incentrato sulla nuova tecnologia ibrida plug-in. La carrozzeria era evidentemente quella della Fiesta ma, essendo la Puma nata sullo stesso chassis, l’adattamento dei pannelli non dovrebbe richiedere molte modifiche.

La Fiesta è in servizio dal 2011, con la Fiesta RS WRC sostituita dalla Fiesta WRC nel 2017. Le stagioni migliori della vettura sono arrivate nel 2017 e nel 2018 con Sébastien Ogier alla guida, il francese che l’ha portata a sei vittorie e un totale di nove podi.

Tuttavia, il team principal, Richard Millener, ha dichiarato ad Autosport la presenza di almeno un’altra opzione, oltre alla Fiesta, per la prossima stagione. Anche se non sappiamo ancora quale potrebbe essere il secondo modello, un cambiamento nei gusti di acquisto tra gli automobilisti europei rende possibile un piccolo crossover ed è qui che, come già paventato molte volte, entra in gioco la Puma.

Ci sono ancora alcune discussioni in termini di ciò che è meglio. Quando inizieremo a testare fuori dal Regno Unito, nei prossimi mesi, sono sicuro che appariranno alcune foto. Lascerò quindi a loro il compito, senza che io finisca nei guai!

Al contrario, Hyundai Motorsport ha già optato per la i20 N per il suo progetto Rally1 e Toyota per la Yaris GR.

Nonostante tutte e tre le squadre siano state colpite dal recente richiamo dei sistemi ibridi da parte del loro sviluppatore, Compact Dynamics, M-Sport e Toyota hanno potuto continuare il loro lavoro. Il team principal della Toyota, Jari-Matti Latvala, ha detto, prima del Rally di Croazia della scorsa settimana, che la Yaris sarebbe stata “in programma” per i test entro l’estate, nonostante il richiamo, mentre il boss della Hyundai, Andrea Adamo, è fiducioso del fatto che la vettura venga conclusa per tempo.

È difficile dire quando la macchina correrà, ma quando avremo fatto il più del lavoro, sapremo come e quando accadrà. Ci sono stati alcuni problemi abbastanza normali di sviluppo [con i kit ibridi] – ma non prevedo ce ne saranno altri.

Fonte: rallyssimo.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *