Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Ferrari, Rueda : “I motori di Formula 1 utilizzano l’aria come una forza per le valvole”

Il weekend appena concluso sul circuito di Spa è stato da profondo rosso per il team Ferrari. Ma adesso la Casa di Maranello deve metabolizzare quanto avvenuto e trovare il giusto percorso per reagire reagire in positivo in vista delle prossime gare. Per questo motivo il capo delle strategie in pista delle Rosse, Inaki Rueda, ha analizzato la gara di domenica.

F.1, GP del Belgio, Rueda: “Con entrambi i piloti fuori dalla Q3, aveva senso differenziare le strategie”

Il capo delle strategie in pista della Ferrari, Inaki Rueda, ha fornito un’analisi puntuale sulla gara di ieri. “Il comportamento delle tre mescole portate in Belgio da Pirelli e, purtroppo, anche la posizione sulla griglia – ha affermato -, ci dava ampia flessibilità in merito alla scelta delle gomme con cui iniziare la corsa”.
Sempre in riferimento alle gomme, Rueda ha affermato: “L’opzione più sicura era la Medium, che avrebbe consentito di fermarci relativamente presto per passare alla Hard o di allungare il più possibile il primo stint per poi provare a chiudere con la Soft”. “Con entrambi i piloti fuori dalla Q3 – ha sottolineato -, aveva senso differenziare le strategie, così Sebastian è partito con le Medium e Charles le Soft”.
Il capo delle strategie in pista del Cavallino ha anche fornito una spiegazione sull’episodio del rifornimento di aria alla monoposto di Charles Leclerc durante il pit-stop: “I motori di Formula 1 utilizzano l’aria come una forza per le valvole che, così come accade per l’olio, può consumarsi in maniera anomala. Le monoposto consentono di rabboccare il serbatoio dell’aria tramite la connessione al circuito dell’aria compressa che, nella SF1000, si trova sul lato sinistro”. “Sono operazioni che possono verificarsi di tanto in tanto – ha precisato l’ingegnere spagnolo -, e fanno parte delle procedure di allenamento durante il weekend di gara”.
Infine, Ignacio (detto Inaki) Rueda ha dichiarato in riferimento alla gara del pilota monegasco della Ferrari: “Le gomme Hard altrui hanno retto fino alla fine e dunque per Charles la rimonta è rimasta un sogno con il pilota della vettura numero 16 che ha terminato la gara praticamente nella stessa posizione in cui si trovava al momento della seconda sosta”.

Fonte: news.superscommesse.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *