Viva Italia

Informazione libera e indipendente

F1 | Motori del futuro, Seidl: “La Formula 1 deve scegliere quale direzione seguire”

In queste settimane ci si interroga su come sarà la Formula 1 del futuro. Le power unit, nel Circus dal 2014 stanno iniziando a far storcere più di un naso, e l’uscita di Honda al termine del 2021 non fa altro che alimentare seri dubbi sull’utilità di questa tecnologia (nel 2026 si potranno attuare delle modifiche, ndr) nella massima competizione del motorsport. Il tanto millantato abbattimento dei costi di qualche anno fa è andato beatamente a farsi benedire, e il regolamento tecnico ultra congelato ha stabilito delle gerarchie difficilmente ribaltabili (ne parliamo qui, qui e qui). La Formula 1 è stata affidata alle delicate mani di Stefano Domenicali, che avrà l’arduo compito di rendere questo giocattolino più attraente e competitivo, senza però snaturarlo, come purtroppo ci hanno abituato negli anni. Si è fatto un’idea Andreas Seidl, team principal della McLaren nelle parole rilasciate a RaceFans.

“Ci sono state delle discussioni – ha ammesso Seidl – con delle iniziative proposte per vedere come potrebbero essere abbassati i costi e semplificare le power unit in modo da attrarre nomi illustri come Ilmor o Cosworth. La chiave di tutto sta nel fatto che la Formula 1, insieme alla FIA, ai team e ai costruttori di motori, oltre alle potenziali new entry, dovranno elaborare un piano per rivedere i regolamenti in futuro. Penso che questo sia il punto principale da risolvere. Alla fine di tutto, ci sono due possibili direzioni: la prima è quella di continuare ad avere delle power unit che siano all’avanguardia nella tecnologia e che sia una piattaforma in grado di sviluppare dei propulsori nelle auto stradali; oppure vai nella direzione opposta, ossia motori più semplici e più economici. Credo che ci sia bisogno di queste risposte prima di vedere nuovi ingressi in Formula 1″.

Fonte: f1grandprix.motorionline.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *