Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Esonda il torrente Re, Niardo e Braone travolti da acqua e fango

Una forte tempesta si è abbattuta ieri sera sull’alta Valcamonica, causando l’esondazione del torrente Re tra Niardo e Braone. Coinvolto anche il torrente Cabello. I due paesi sono stati investiti dall’acqua e dal fango, rendendo impraticabili le strade e costringendo circa 40 persone ad abbandonare le loro case. Tre donne anziane sono state soccorse e trasportate negli ospedali di Esine e Lovere, ma le loro condizioni non sarebbero gravi.

La ss42 è rimasta bloccata tutta notte e le operazioni di pulizia dai detriti sono ancora in corso. Inagibile anche la ferrovia, su cui si sono abbattuti dei massi. Non è al momento possibile fare una stima dei danni. I due Comuni hanno allestito due centri di raccolta per la popolazione: gli abitanti di Braone sono stati evacuati a Ceto, mentre quelli di Niardo sono a Breno.

Sul posto per tutta la notte hanno lavorato decine di squadre di Vigili del fuoco, arrivate anche da Sondrio, Como e Milano. Tecnici ancora all’opera per mettere in sicurezza i due paesi.

Al momento la situazione sembra essere sotto controllo.

«A mezzanotte dopo un’ora di pioggia intensa abbiamo sentito un grande frastuono sembrava un terremoto: era il torrente esondato». Così Carlo Sacristani, sindaco di Niardo, che ha spiegato: «È un disastro qui, interrotta la viabilità e la via ferroviaria. Abbiamo danni a diversi fabbricati. Fortunatamente non ci sono vittime. Si sentiva odore di metano e sono intervenuti i tecnici: il pericolo di perdite è stato scongiurato. La Regione ha attivato subito gli interventi per incanalare di nuovo il torrente nel suo letto.

  • Leggi qui il GdB in edicola oggi
  • Iscriviti alle newsletter del GdB. Per ogni tuo interesse, puoi avere una newsletter gratuita da leggere comodamente nella mail.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *