Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Empoli, pari a Pisa. Monza, che lampo di Balo: piega il Chievo ed è a -3 dalla vetta

Capolista stoppata nel derby, ride Brocchi grazie a Super Mario. Poker di vittorie per il Venezia. K.o. casalingo per il Cittadella. Spal rimontata

Nicolò Delvecchio @ndelvecchio8

Un gol di Mario Balotelli spinge il Monza al secondo posto: è sua la rete decisiva per l’1-0 dei brianzoli sul Chievo nel big match della 24° giornata. In un solo colpo, la squadra di Brocchi vendica la sconfitta contro il Pisa dell’ultimo turno, accorcia sull’Empoli e mantiene un punto di vantaggio su Venezia e Salernitana, a 41. I clivensi, invece, scivolano dal terzo al sesto posto e incassano la seconda sconfitta di fila dopo il k.o. dell’ultimo turno al Rigamonti. Fa un bel balzo in avanti anche il Venezia, che vince in rimonta sull’Entella ed è ora terzo: ottima prova per la squadra di Zanetti, che non si è arresa al doppio svantaggio e anzi, dopo il terzo gol di Johnsen (doppietta per lui) è andata vicino al quarto. Per i liguri invece è crisi senza fine: ultimi a 17 punti, superati dal Pescara, che ieri ha pareggiato col Frosinone, i biancazzurri sono reduci da cinque sconfitte di fila. I playout sono lontani 6 punti, la zona salvezza ben 9. A pari punti con i veneti c’è la Salernitana, a cui basta una doppietta di Tutino nei primi 24 minuti per battere l’Ascoli (2-0) e issarsi a quota 41: i granata allungano la striscia di risultati utili consecutivi a sei, e tornano a vincere dopo 4 pari di fila. I marchigiani, invece, rimangono inchiodati al terzultimo posto che, al momento, significa retrocessione: con le ultime due sconfitte i bianconeri hanno vanificato la serie di 4 risultati utili raggiunti in precedenza e ora sono a -2 dal Cosenza, quartultimo e in zona playout. Enorme lo spavento al Del Duca per Patryck Dziczek, accasciatosi a terra per un malore all’86’: il polacco ha poi ripreso conoscenza ed è stato portato in ospedale da un’ambulanza. La grande sorpresa di giornata è invece il Cittadella, che crolla in casa sotto i colpi della Reggiana e scivola al quinto posto. Per gli emiliani, invece, la seconda vittoria di fila – dopo quella contro l’Ascoli – significa tredicesimo posto a 27 punti, a +1 dalla zona playout e a +6 sulla retrocessione diretta. Al Menti, la Spal spreca due gol di vantaggio sul Vicenza (segnati da Paloschi e Valoti) e si fa raggiungere in 5 minuti da Pasini e Meggiorini: così, gli emiliani rimangono al settimo posto, ma solo a +2 dal Lecce (impegnato domani contro il Cosenza) che domani potrebbe operare il sorpasso. I biancorossi invece sono a 27, a pari punti con la Reggiana. In ottica salvezza fa un importante passo la Cremonese, che batte il Brescia al Rigamonti per 2-1 – in rimonta – e aggancia momentaneamente la Reggina e proprio le Rondinelle a 26.

VENEZIA-ENTELLA 3-2

—  

L’Entella parte forte e in 5 minuti, tra il 24′ e il 29′, trova per due volte il gol: il vantaggio è firmato da Brescianini, che raccoglie l’assist di Schenetti in area e batte Pomini. Poi è lo stesso Schenetti, trovato da Brunori, a raddoppiare con un rasoterra preciso. Il gol che riapre la partita è quello di Fiordilino, che al 44′ ribadisce in rete, di petto, un tiro di Forte respinto da Russo. Nella ripresa è Johnsen, in 3 minuti, a ribaltare il punteggio con la doppietta che stende l’Entella. Il nervosismo monta tra gli ospiti e Settembrini, al 59′, si fa espellere da appena sostituito (al suo posto Dragomir): un rosso che, almeno, non lascia i suoi in 10.

ASCOLI-SALERNITANA 0-2

—  

Dopo 2′ D’Orazio sbaglia un retropassaggio di testa e la passa involontariamente a Capezzi, che dà a Tutino un assist da spingere facilmente a porta vuota. Dopo poco più di 20′ ancora Tutino sfrutta un rimpallo favorevole con Brosco e raddoppia. Nel secondo tempo, dopo 9 minuti di recupero concessi per l’assistenza medica a Dzyczek, arriva il fischio finale.

CITTADELLA-REGGIANA 0-3

—  

Dopo pochi minuti è Yao a raccogliere un cross da calcio d’angolo e a segnare, a porta vuota, il vantaggio degli ospiti. Poco prima della mezz’ora raddoppia Laribi, che insacca al volo di destro su assist al bacio, dalla trequarti, di Siligardi. A inizio ripresa è Marzocchi, con un tocco sotto, a calare il tris.

VICENZA-SPAL 2-2

—  

Gli emiliani giocano un ottimo primo tempo e vanno al riposo sul 2-0: al 28′ Valoti la spizza di testa per Paloschi, che si libera del marcatore con un controllo di sinistro e realizza di destro. Poco prima dell’intervallo l’arbitro vede un fallo di mano in area di Padella e indica il dischetto: dagli undici metri è proprio Valoti a raddoppiare. Nell’ultimo quarto d’ora di gara si risveglia il Vicenza, che prima accorcia con Pasini di testa (primo gol in campionato) e poi pareggia con Meggiorini, che di destro firma il suo settimo gol in stagione.

BRESCIA-CREMONESE 1-2

—  

Le Rondinelle passano in vantaggio con Aye, al suo quarto gol di fila, che al 28′ raccoglie un assist perfetto di Donnarumma e a porta vuota fa 1-0. Nella ripresa è Ciofani a ribaltarla prima su rigore (fallo di Pajac sullo stesso attaccante) e poi di testa, su assist al bacio di Baez. Quinta doppietta in carriera, in B, per l’ex Frosinone.

CHIEVO-MONZA 0-1 (In corso)

—  

Nel primo tempo si vedono di più i clivensi e al 12’ Margiotta, di testa, trova il gol che sblocca il match: la rete, però, viene annullata per un fuorigioco dubbio. Le occasioni latitano e i gialloblù si fanno vedere con De Luca e Ciciretti, ma le loro conclusioni sono imprecise. Il Monza, nel primo tempo, conclude con zero tiri totali. Al 60’, però, la squadra di Brocchi si sveglia e trova il vantaggio con Balotelli, che di testa batte Semper su cross preciso di Donati: un asse già visto nella Primavera dell’Inter del 2008, quella che vinse il Viareggio con le reti di Super Mario e gli assist del terzino. È il gol decisivo: il pressing del Chievo non ha successo e anzi sono ancora i brianzoli, con Barillà, ad andare vicini al raddoppio, ma il risultato non cambia più.

PISA-EMPOLI 1-1

—  

Un derby bellissimo quello dell’Arena Garibaldi: nel primo tempo sono Gucher e Marconi ad andare vicini al gol per i padroni di casa, di Moreo l’occasione migliore degli ospiti. La sfida si sblocca al 34’ con Birindelli, che fa 40 metri palla al piede sulla destra prima di battere Brignoli sul primo palo. Anche le occasioni migliori della ripresa sono pisane, con Gucher che centra il palo di testa e Vido che, a tu per tu con il portiere, spreca un contropiede perfetto. Il pari arriva quindi al 77’ con Zurkowski, che su assist di Parisi spacca la porta con un destro imprendibile da pochi passi.

Fonte: gazzetta.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *