Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Eliana Michelazzo: “Tornata dall’ospedale con un taxi pagato dallo Stato

“I medici mi hanno messo a disposizione anche un posto nella sezione Covid del pronto soccorso e mi hanno fatto riaccompagnare con un taxi a casa. E’ un servizio taxi per il Covid pagato dallo Stato“: ecco le parole di Eliana Michelazzo all’Adnkronos dopo essere stata dimessa dal policlinico Umberto I dove è stata portata d’urgenza ieri 28 agosto. “Ho avuto molta paura – ha detto – perché, svegliandomi ho avuto la sensazione che qualcuno mi strangolasse e ho sputato sangue. Rispetto a questo, mi hanno spiegato che potrebbero essere i sintomi di un po’ di bronchite in arrivo. Comunque sono stati molto carini e attenti. E so che in qualsiasi momento posso andare da loro”.

Ora la ex manager di Pamela Prati è a casa. “Dei miei amici con cui sono stata in vacanza a Baia Sardinia almeno la metà sono positivi. Sono molto spaventata ora. Ho sempre sonno e dormo profondamente, non sento i sapori e gli odori e non mangio quasi niente”, ha raccontato Michelazzo stando al Corriere della Sera.

All’Adnkronos ha detto anche che sul traghetto per Civitavecchia non le è stata controllata la febbre e il suo avvocato, Daniele Bocciolini, vuole “avviare denunce anche al solo fine di verificare se nei locali in cui è stata Eliana siano state rispettare le norme sul Covid”. Dopo aver fatto sapere ai suoi follower che “gli esami sono buoni” e che il suo malessere rientra nei sintomi del covid-19, Michelazzo si dece pronta a stare a casa in quarantena.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Marco Predolin, ristoratore a in Sardegna: “C’erano dei locali che servivano da bere anche agli under 18 che, poi, tutti ‘mbriachi facevano casino”

next

Articolo Successivo

Elisabetta Gregoraci: “Dicevano che avevo spostato Flavio Briatore per interesse”

next

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *