Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Elezioni comunali: dal centro alla periferia la sfida dei big si chiude nelle piazze

Nelle piazze del centro ed in quelle delle periferie. La campagna elettorale volge al termine. Ed in vista del voto del 3 e 4 ottobre, i principali competitor nelle corsa al Campidoglio hanno ufficializzato l’ultimo appuntamento della contesa elettorale. 

Michetti a Spinaceto

Il primo a scendere in campo sarà Enrico Michetti che punta sulla periferia del Municipio IX per conquistare il voto degli indecisi. Il candidato del centrodestra è l’unico, tra i quattro, ad aver organizzato un evento nella mattinata di venerdì 1 ottobre. Si recherà infatti a Spinaceto in compagnia di Giorgia Meloni, Matteo Salvini ed Antonio Tajani. I tre big dei principali partiti della coalizione hanno deciso di non far mancare il proprio supporto al “tribuno del popolo”. La loro partecipazione arriva anche all’indomani degli apprezzamenti espressi dal leghista Giancarlo Giorgetti nei confronti di Carlo Calenda. La presenza dei tre leader del centrodestra servirà quindi a fare quadrato ed ha mandare un messaggio chiaro agli elettori: il centrodestra è compatto. Un messaggio che verrà ribadito nel corso dell’appuntamento previsto alle ore 10 a largo Cannella. Un luogo che è un simbolo di potenzialità inespresse, uno spazio della periferia da rilanciare. Una piazza dove è passato anche il leader di Azione, in una piovosa giornata di luglio.

Calenda a piazza del Popolo

Carlo Calenda è l’unico, tra i quattro, che non può contare sul supporto dei “big della politica”. Il leader di Azione, d’altra parte, ha impostato la campagna elettorale puntando tutto su una civica composta al 70%, come ha avuto modo di ribadire durante le ultime settimane, da persone che non hanno avuto alcuna precedente esperienza nei partiti. Pesano però sugli equilibri interni al centrodestra le considerazioni del ministro leghista Giorgetti che, a proposito di Calenda, aveva dichiarato che “ha le caratteristiche giuste per amministrare una città complessa come Roma”. Parole che hanno scatenato le reazioni del centrodestra a cui il leader di Azione ha promesso, incrociando Salvini a Porta Portese, che “i vostri voti li prendo io”. Calenda chiude la campagna elettorale alle ore 18 in Piazza del Popolo.

Gualtieri a San Basilio

Il centrosinistra, nell’ultimo giorno utile prima del silenzio elettorale, ha deciso di puntare su 15 piazze. Quattordici sono quelle dove si presentano i vari candidati ai Municipi, in alcuni casi con il supporto di alcuni “big” della coalizione. Il quindicesimo comizio è invece quello che si svolgerà alle ore 17.30 in via Loreto, a San Basilio. Nel problematico quartiere, mai come durante l’ultima campagna elettorale finito sotto i riflettori, si presenta Roberto Gualtieri. Per lui sarà un ritorno, perché già nel corso delle ultime settimane ha avuto modo più volte di recarsi nel quartiere. Questa volta però lo farà in compagnia del governatore del Lazio Nicola Zingaretti e dell’ex ministro Beatrice Lorenzin, che ha presieduto il comitato elettorale di Gualtieri.

Raggi alla Bocca della Verità

Anche Virginia Raggi sarà in compagnia dei big del suo partito. La Sindaca, nell’ultimo appuntamento prima delle elezioni in cui indosserà la fascia tricolore, sarà sostenuta ancora una volta da Giuseppe Conte, più volte incontrato in questi giorni di campagna elettorale, e dal ministro degli esteri Luigi Di Maio. I tre hanno dato appuntamento ai propri elettori ed ai candidati delle liste che sostengono la Sindaca, alla Bocca della Verità. Sarà quello l’ultimo degli appuntamenti previsti, visto che si svolgerà alle ore 20 di venerdì 1 ottobre. Beppe Grillo, che ha recentemente incoraggiato la Raggi, in versione “legionaria” a volare alto ed andare avanti, non è dato tra i presenti ma potrebbe contribuire a convincere gli indecisi a votare per la sindaca, attraverso un videomessaggio. 

Gli indecisi da convincere

La partita, in effetti, si giocherà molto in funzione del voto che sarà espresso dai romani che, quando i sondaggi erano ancora consentiti, aveva dichiarato di non aver preso una decisione. Le ultime tappe di questa campagna elettorale, dal centro alla periferia, potrebbero contribuire a sciogliere gli ultimi dubbi, portando il 3 e 4 ottobre, una fetta d’indecisi alle urne.
 

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *