Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Egitto, rinviato il processo a Patrick Zaki: “Inizio a non sentirmi libero”

Le dichiarazioni di Zaki –

 Pantaloni grigi, camicia bianca, giacca blu e i capelli raccolti in un codino, Zaki è apparso visibilmente contrariato all’uscita dall’aula. “Oggi hanno solo preso la mia carta d’identità, mi hanno fatto uscire, mi hanno detto di aspettare: sono stato là per due ore senza avere idea di cosa stesse succedendo – questo il suo racconto ai giornalisti davanti al Palazzo di Giustizia di

Mansura

– L’udienza è durata 15 secondi, poi mi hanno detto che è stata rinviata al 27 settembre.

Non capisco perché mi impediscano di tornare in Italia

. Voglio soltanto tornare a studiare. Questa tattica che stanno adottando con me sta rovinando la mia educazione”.

Le parole di Amnesty International  –

Riccardo Noury

, portavoce di Amnesty Internation Italia, ha commentato così il rinvio della sentenza: “Erano 28 oggi, diventeranno 31 i mesi che Patrick sta trascorrendo privato della sua libertà, impossibilitato a muoversi, nelle mani di una magistratura arbitraria. Un periodo di tempo esorbitante, uno stillicidio, considerato che Patrick è accusato di un reato dal puro sapore orwelliano: “diffusione di notizie false”, per aver soltanto scritto il vero. L’idea che Patrick trascorra tutta l’estate in questa condizione di libertà provvisoria è inaccettabile,

dobbiamo fare qualcosa al più presto perché recuperi la sua piena libertà

“.  

Scarcerazione e processo –

Lo studente è stato in carcere 22 mesi, nel dicembre scorso è stato liberato ma il processo è ancora in corso e nel frattempo lui è bloccato al Cairo. Solo nel giugno scorso, dopo oltre un anno di detenzione cautelare, la magistratura ha rivelato il capo d’imputazione. Un articolo che Zaki, studente ma anche attivista per i diritti umani, ha pubblicato su un portale egiziano nel 2018 per denunciare le persecuzioni subite da alcune minoranze nel Paese. All’udienza erano presenti i rappresentanti di

Italia, Ue, Usa e Spagna

per monitorare il corretto svolgimento del processo. Seppur a piede libero,

lo studente rischia cinque anni di carcere

Voglia di Italia –

“Continuiamo a chiedere giustizia e libertà” ha scritto intanto sui social network

Rita Monticelli

, coordinatrice del master a cui Zaki è iscritto a Bologna, e consigliera Pd. “Lo chiediamo dal 7 Febbraio 2020 e continuiamo a essere al tuo fianco, che tu possa al più presto tornare ai tuoi studi, a Bologna” ha concluso. L’obiettivo dell’attivista è quello di poter tornare in Italia per concludere i suoi studi universitari: “Cerco di essere ottimista ma non succede nulla. Ho bisogno di viaggiare, ora è la cosa più importante per me, qualunque sia la situazione. Ha aggiunto: “Se non torno in Italia avrò problemi con la laurea magistrale e gli studi.

Il mio desiderio è di tornare, voglio riprendere i miei studi

, la mia vita normale, voglio poter viaggiare e tornare quando voglio, come una persona normale”.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *