Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Ecco spiegata finalmente qual è la differenza tra whisky e Bourbon

Si fa presto a dire whisky, poiché nel mondo di liquori e distillati bisogna essere assai precisi, a partire dalla storica rivalità tra Scozia, Irlanda e Stati Uniti, in grado di riuscire persino a definire una differenza tra whisky e whiskey a livello di terminologia. In particolar modo, oggi Esquire vorrebbe farvi approfondire il concetto e il mondo legato al Bourbon whisky, arrivando a consigliarvi anche qualche buona bottiglia da tenere in casa per i vostri cocktail (che dovrete sempre gustare con parsimonia). Ecco cosa distingue whisky e Bourbon, spiegato una volta per tutte.

Bourbon e whisky

Durante una serata in un locale con gli amici avete ordinato un buon whisky e vi hanno chiesto se volevate un Bourbon? Quest’ultima è una parola che sentite spesso nominare, in effetti, ma sapete che differenza c’è tra whisky e Bourbon? In linea generale, possiamo affermare che con la parola “whisky” si definisce il liquore di cereali fermentati e distillati: quello irlandese e statunitense è chiamato anche “whiskey”, mentre quello scozzese e canadese è “whisky”, termine che, tuttavia, prevale nell’identificazione della bevanda a livello globale. Dunque, il Bourbon whiskey, o Bourbon whisky, si contraddistingue esclusivamente come il distillato prodotto negli Stati Uniti secondo un preciso disciplinare. Il Bourbon liquore, per potersi realmente dire tale, deve essere interamente prodotto in America (ci sono degli “Stati deputati” per la sua realizzazione, in particolare il Tennessee, dove si fa il famoso Jack Daniel’s), nella base (mash) è necessaria la presenza del 51% di mais, insieme a orzo maltato e, volendo, anche frumento, l’alcool al momento della distillazione non deve superare l’80% e la miscela può prevedere l’esclusiva aggiunta di acqua, senza nessun altro tipo di additivo. Il Bourbon e i suoi gradi, quando passa in affinamento, non devono essere mai superiori al 62% del volume alcolico e, infine, quest’ultima fase è obbligatorio avvenga in botti di rovere nuove tostate secondo il risultato che si desidera raggiungere, ottenendo il tipico color ambra scuro della bevanda. No, la vaniglia Bourbon non c’entra con il whisky: era l’antico nome dell’Isola di Réunion, dove veniva coltivata l’orchidea che fornisce tutt’oggi le profumate bacche. Non ha a che fare nemmeno con Virginia Bourbon Del Monte, la vedova Agnelli madre di Gianni, Susanna e Umberto, né con il Bourbon caffè. La differenza maggiore tra Bourbon e whisky, come lo Scotch, sta nel fatto che quest’ultimo è prodotto in Scozia e non negli U.S.A.. Adesso che tutto è un po’ più chiaro, non resta che accogliere una selezione dei Bourbon migliori da assaggiare.

Pubblicità – Continua a leggere di seguito

1

tannico.it

Kentucky Straight Bourbon Whiskey

25,00 €

2

tannico.it

Kentucky Straight Bourbon Whiskey

3

tannico.it

Bourbon Whiskey “Rare Breed”

4

Jack Daniel’s callmewine.com

Jack Daniel’s Tennessee Whiskey

5

Jack Daniel’s callmewine.com

Single Barrel Select

6

Koval callmewine.com

Whisky Bourbon Single Barrel Koval

7

Jim Beam vino.com

Bourbon Whiskey Jim Beam

8

Wild Turkey vino.com

Bourbon Whiskey Longbranch Wild Turkey

9

vino.com

Bourbon Whisky Handmade Maker’s Mark

10

Knob Creek amazon.it

Bourbon Whiskey invecchiato 9 anni

Pubblicità – Continua a leggere di seguito

Fonte: esquire.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *