Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Ecco com’è la nuova DS 4 che abbiamo visto in anteprima a Milano


La nostra anteprima della nuova DS 4

17 giugno 2021 – 9:00

Abbiamo avuto la possibilità di vedere in anteprima la nuova DS 4. Una vettura che si presenta come berlina rialzata, dalla forma coupé, completamente stravolta rispetto al passato – tranne per l’assetto alto – e che si fa portatrice di non poche novità, sia estetiche sia tecnologiche. La nuova DS 4 ha una gamma completa, che include due motorizzazioni benzina, una versione E-Tense ibrida plug-in da 225 CV (quella da noi vista) e, non più così scontato, una motorizzazione diesel, con motore Blue HDi da 130 CV.

Proprio il diesel è stato scelto come carburante per la versione di lancio, con equipaggiamento completo e tecnologia di ultima generazione, a partire da 29.500 euro: una scelta non casuale, data dal fatto che, nonostante tutto, in questo segmento C il gasolio è ancora la scelta preferita, per via delle sue ottime prestazioni per quanto riguarda comportamento in autostrada e consumi. DS 4 è disponibile anche con rata da 199 euro al mese, identica per tutte le motorizzazioni, con anticipo variabile, a partire da circa 8.000 euro, a seconda della motorizzazione scelta. In ogni caso, le prime consegne sono previste per fine 2021, e riguarderanno la DS 4 La Première, allestimento esclusivo in edizione limitata, le cui prenotazioni si sono concluse proprio il 16 giugno.

Nuova DS 4: proporzioni inedite

È sempre difficile parlare di una DS, perché in effetti il design è così personale che diventa molto divisivo. Possiamo dire tranquillamente che, per quanto specialmente agli interni ci siano scelte più minimaliste che in passato, la filosofia stilistica del marchio di lusso francese è tutto il contrario del motto “Less Is More”. Al contrario, ogni vettura di questa azienda, scorporatasi nel 2015 da Citroën, è ricco di dettagli, che si trovano fondamentalmente in ogni millimetro del corpo vettura. Un’auto, la nuova DS 4, che è diversa dalle altre a partire dalle proporzioni: è larga 1,83 metri, lunga 4,40 e alta appena 1,47, contro delle grandi ruote da 720 millimetri che schiacciano, letteralmente, la vettura.

L’anteriore è massiccio e di grande impatto, a partire dai gruppi ottici che introducono una nuova e vistosa firma luminosa dotata di 150 LED che percorre tutta la parte bassa del paraurti. I gruppi ottici principali, invece, mantengono il classico design DS, con forma regolare che sembrano quasi contenere delle “gemme” preziose incastonate e che invece sono i fari anabbaglianti e abbaglianti. Fari e griglia, con texture diversa a seconda della versione ma sempre tridimensionale, sono collegati dalle DS Wings, ulteriore dettaglio di pregio.

I dettagli stilistici non mancano anche di profilo, a partire dalle maniglie delle portiere a scomparsa, cromate, e che si uniscono a superfici particolarmente scolpite e squadrate, specialmente quando ci si avvicina ai minigonne. Come detto, di lato la vettura appare molto schiacciata e filante, a maggior ragione con i cerchi da 20 pollici: è un design volutamente derivato dalla concept car DS Aero Sport Lounge, e dalla volontà dei progettisti di rendere l’aspetto della segmento C francese più vicina a un concept che a un’auto di serie.

Il posteriore, invece, è squisitamente coupé: il padiglione scende in modo dolce e si raccorda al lunotto molto inclinato, con serigrafia Reflective Design e al montante C in nero lucido che ospita il logo di DS Automobiles. Dietro, i gruppi ottici posteriori sono sottili e larghi, con una nuova firma luminosa con lavorazione a scaglie progressive incise al laser. La particolarità della nuova DS 4, comunque, è che la gamma si differenzia, esteticamente, nei vari allestimenti. Oltre alla “semplice” DS 4, con design specifico per i paraurti, sottili note cromate e padiglione disponibile anche in nero per un look più atletico, troviamo:

  • Nuova DS 4 Cross, con estetica – e solo quella – da SUV data dalla parte inferiore dei paraurti con una protezione e in vernice nera opaca, che si uniscono ai profili superiori dei finestrini in nero lucido, come anche la calandra, le barre del tetto, e i cerchi da 19. La DS 4 Cross ha inoltre l’optional esclusivo con funzione Advanced Traction Control, che rafforza la motricità grazie alle modalità sabbia, neve e fango, e al sistema Hill Assist Descent Control.
  • Nuova DS 4 Performance Line, comprensiva di Black Back che va e rendere nere le DS Wings anteriori e posteriori, la calandra e i profili dei finestrini, e aggiunge gli esclusivi cerchi Minneapolis da 20 pollici, oltre che interni dedicati. Tutte scelte che, pur mantenendo un aspetto premium ed elegante, strizzano l’occhio alla sportività.

Nuovi interni, nuova tecnologia

La nuova DS 4 offre numerose possibilità di rivestimento e personalizzazione degli interni. I sedili sono quelli tipici del marchio, ad alta intensità e pelle Nappa Criollo, con lavorazione a cinturino d’orologio. La pelle Nappa Criollo riveste anche la plancia, che si alterna a decorazioni in legno di frassino marrone, che rendono tutto più raffinato. Gli interni con tonalità “Pebble Grey” e “Marrone Criollo” veicolano un’impressione di spaziosità e luminosità, mentre i sedili, la console centrale, i braccioli in pelle Pebble Grey possono, a scelta, creare contrasto con la plancia in Nappa e il volante in pelle Marrone Criollo. Queste due possibilità di rivestimento sono optional degli allestimenti “Rivoli” e “Trocadero” di nuova DS 4 e nuova DS 4 Cross. Rivoli, inoltre, ha di serie gli interni in pelle Nero Basalt Premiu, mentre la Trocadero ha di serie rivestimenti in tessuto e TEP effetto vinile. Sulle Performance Line e Performance Line +, invece, si trovano interni in Alcantara Nero, abbinabili a sedili in tessuto intrecciato Basalto e Alcantara o sedili in pelle pieno fiore Nero Basalt. Nella Performance Line, anche la consolle centrale e la plancia sono in Alcantara, con intarsio in carbonio forgiato sul volante in pelle.

Notevoli anche le novità tecnologiche: già dall’allestimento Trocadero sono presenti, di serie, le soluzioni di assistenza alla guida, a partire dal DS Extended Head Up Display, che permette un’esperienza di guida all’avanguardia e costituisce un primo passo verso la realtà aumentate per merito della tecnologia immersiva che proietta direttamente sulla strada le informazioni. In più, debutta il nuovo DS Iris System, un sistema di infotainment rinnovato che prevede un display touch da 10 pollici. Una soluzione che riprende l’ergonomia di uno smartphone con un’interfaccia tattile, fluida e reattiva, nonché personalizzabile. Iris System è un sistema a riconoscimento vocale e gestuale, quest’ultimo costituito di comandi posizionati sulla DS Smart Touch, ovvero sulla consolle centrale: si tratta di un secondo touch screen, a sfioramento, che attiva tutte le funzionalità preferite con un gesto e identifica i movimenti più comuni, come l’ingrandimento delle immagini, o il riconoscimento di una grafia pre-registrata.

La nuova DS 4, ancora, offre il DS Drive Assist, per la guida semi-autonoma di livello 2 disponibile su tutti gli ultimi modelli della gamma. Il sistema offre la regolazione della velocità in base al traffico, e la possibilità di fermarsi e ripartire negli ingorghi in modalità completamente automatica, con anche posizionamento preciso all’interno della corsia scelta dal conducente. Nel 2022, poi, arriverà una versione più evoluta, il DS Drive Assist 2.0, comprensivo di tre nuove funzionalità:

  • Sorpasso semiautomatico;
  • Regolazione della velocità in curva;
  • Anticipo della velocità raccomandata dalla segnaletica stradale.

La tranquillità alla guida, nonché il comfort, è garantita dalla sospensione controllata DS Active Scan Suspension, che grazie a una videocamera posta nella parte superiore del parabrezza, rileva e anticipa le irregolarità del fondo stradale, trasmettendo i dati a un elaboratore. Il sistema è dotato di quattro sensori di assetto e tre accelerometri, che permettono di agire indipendentemente su ogni ruota, ed è di serie sulla versione E-Tense. Completa la dotazione il DS Night Vision, per una visibilità ottimale di strada e ostacoli grazie a una telecamera a infrarossi, interna alla calandra, che rileva pedoni e animali fino a 200 metri di distanza in condizioni di luce scarsa o assente, avvertendo il conducente sullo schermo digitale e sull’Head Up Display.


L’ibrido direttamente dalla Formula E

La nuova DS 4 da noi conosciuta è la versione E-Tense, ovvero la plug-in Hybrid da 225 CV che porta su un’auto di serie il know how di DS Performance e dei suoi titoli, in tutto quattro tra Piloti e Team, conquistati nei Campionati di Formula E nel 2019 e nel 2020. Nella nuova DS 4 E-Tense, abbiamo un motore 4 cilindri PureTech da 180 CV unito a un motore elettrico da 110 CV con batteria da 12,4 kWh che consente 54 km di autonomia in full electric. La coppia è invece di 360 N/m, che le permette di raggiungere i 100 km/h in 7,7 secondi, il tutto con un consumo dichiarato di 1,3 litri ogni 100 km ed emissioni di 29 grammi di CO2 per km (sempre su ciclo WLTP).

La nuova DS 4, però, non rinuncia alle classiche motorizzazioni endotermiche. Due quelle a benzina, con PureTech da 130 o 180 CV sempre automatico, per consumi di 5,9 litri ogni 100 km; e una quella diesel, la giù citata Blue HDi da 130 CV e cambio automatico, con consumi dichiarati di 4,8 litri ogni 100 km, tra i migliori del segmento. Non è prevista, invece, una versione full electric: nelle intenzioni di DS, la motorizzazione esclusivamente a batteria riguarda il segmento B – e infatti è già presente la DS 3 Crossback E-Tense con motore elettrico da 136 CV. “Serve trovare il giusto equilibrio in rapporto alle dimensioni dell’auto, e a noi l’ibrido plug-in sembra la forma migliore di elettrificazione per i segmenti C e D” ha spiegato Giorgio Contu, Responsabile pubbliche relazioni di DS Automobiles Italia.

Una gamma strutturata

La gamma della nuova DS 4 si declina su tre anime:

  • Sportiva;
  • Elegante;
  • Avventura;

Ogni anima si caratterizza per un design specifico. La Elegante è disponibile in 4 allestimenti: Business, Trocadero, Rivoli e l’edizione limitata di lancio “La Première”. La Sportiva, invece, ne ha due: Performance Line e Performance Line +. Due, infine, sono anche gli allestimenti dell’anima Avventura: Trocadero Cross e Rivoli Cross. I prezzi, tolta la promozione di lancio riguardante il diesel, partono da 30.250 euro.

—–

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo auto e moto, sugli autovelox e su come difendersi dalle truffe, è possibile iscriversi gratis al canale Quotidiano Motori su Telegram. Vi invitiamo a seguirci anche su Google News cliccate qui sotto per l’iscrizione gratuita!

Fonte: quotidianomotori.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *