Viva Italia

Informazione libera e indipendente

È morto Richi, il bambino rimasto ustionato durante un esperimento di scienze in casa

Non ce l’ha fatta Riccardo Celoria, il bambino di 10 anni che si era ustionato lo scorso 28 maggio mentre filmava un esperimento scolastico per l’elaborato finale di quinta elementare. Dopo una lunga serie di operazioni eseguite dai medici dell’ospedale infantile Regina Margherita per cercare di salvargli la vita, il cuore di Richi ha smesso di battere oggi pomeriggio. Il piccolo era ricoverato nel reparto di rianimazione diretto dal dottor Giorgio Ivani, ma nonostante i numerosi interventi chirurgici le sue condizioni sono rimaste sempre molto gravi. Nella villetta di via Gobetti, a Collegno, i carabinieri della compagnia di Rivoli hanno trovato un quaderno dove Richi aveva annotato le fasi dell’esperimento «Il serpente del Faraone», probabilmente copiandole da un sito internet.

LEGGI ANCHE

Investito dal ritorno di fiamma

Aveva già eseguito quella prova diverse volte e voleva realizzare un video per presentarlo all’esame di fine anno. Sotto gli occhi della madre ha mescolato in un piattino sabbia, bicarbonato, zucchero e alcol, ma quando ha dato fuoco al composto con un accendino è stato investito dal ritorno di fiamma. Uno dei soccorritori ha riferito che sul pavimento della cucina era presente una bottiglia di alcol vuota, che potrebbe essersi rovesciata. Le fiamme hanno avvolto il bambino dalla testa fino alla radice delle gambe e Richi ha riportato ustioni, in buona parte di terzo grado, sul 57% del corpo.

«Il serpente del Faraone», l'esperimento che Richi stava tentando a casa
«Il serpente del Faraone», l’esperimento che Richi stava tentando a casa

3 luglio 2020 | 15:34

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *