Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Due indagati per la morte in fabbrica di Luana. Nel mirino una saracinesca di protezione

Prato, 4 maggio 2021 – La procura di Prato ha aperto un’inchiesta sulla morte di Luana D’Orazio ed ha iscritto stasera due persone nel registro degli indagati. Lo apprende l’Ansa da fonti inquirenti. Le iscrizioni sarebbero legate agli accertamenti tecnici che si stanno anche concentrando sulla valutazione del funzionamento dei dispositivi di sicurezza del macchinario tessile, un orditoio, in cui è rimasta incastrata la giovane operaia il 3 maggio in una ditta di Montemurlo. La procura avrebbe individuato nella mancanza di una grata una possibile causa della tragedia. Omicidio colposo e rimozione dolosa di sistemi anti infortunio le contestazioni.

L’infortunio mortale è avvenuto in un’azienda tessile ieri mattina intorno alle 10. La giovane stava lavorando a un orditoio quando è rimasta agganciata al rullo, finendo intrappolata e stritolata nel macchinario. Giunto sul posto il medico del 118 non ha potuto fare altro che constatarne il decesso. Sul posto si è subito recato anche il magistrato di turno, i carabinieri della tenenza di Montemurlo ed il personale Asl per la sicurezza nei luoghi di lavoro.




LEGGI ANCHE:

Il macchinario presso il quale è avvenuto l’incidente è stato posto sotto sequestro per consentire di effettuare tutti i necessari accertamenti. Le indagini sono condotte dagli ispettori della sicurezza sul lavoro della Asl che devono chiarire, sulla base dei quesiti indicati dal magistrato, alcuni elementi sulle circostanze dell’infortunio. C’è da capire ad esempio se esistessero dei meccanismi di sicurezza che avrebbero dovuto bloccare il macchinario, quali sono i piani di sicurezza previsti dall’azienda e le circostanze sulle presenze dei colleghi al momento dell’incidente.

“Siamo al lavoro per capire se e cosa non abbia funzionato nel macchinario, compresa la fotocellula di sicurezza. Abbiamo ricevuto i rilievi e nelle prossime ore nomineremo dei periti per gli accertamenti tecnici sui documenti raccolti dalla polizia giudiziaria”. Così il procuratore capo di Prato Giuseppe Nicolosi riguardo all’inchiesta. “Speriamo di poter eseguire presto anche l’autopsia sul corpo della giovane – ha aggiunto Nicolosi – per cui abbiamo già dato mandato”.




Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *