Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Dopo 7 anni di attesa oggi si inaugura la Rho-Monza

Oggi si inaugura la Rho-Monza. Il taglio del nastro è fissato per le 11 di lunedì 14 novembre. Una cerimonia ufficiale alle presenza del governatore Attilio Fontana, del vicepresidente Fabrizio Sala, degli assessori regionali Claudia Maria Terzi (Infrastrutture, trasporti e mobilità sostenibile), Stefano Bolognini (Sviluppo città metropolitana), Romano La Russa (Sicurezza) e al sottosegretario regionale Marco Alparone. Un intervento tanto atteso (ma anche criticato) che vedrà così il completamento della Tangenziale Nord Milano A52 (Rho-Monza).

Una strada doveva essere ultimata per Expo 2015, un’infrastruttura più volte annunciata, ma anche fortemente criticata dagli ambientalisti. “L’inaugurazione di una autostrada che scaricherà entro una fascia di 250/500 metri l’80% delle polveri  sottili (PM10 e PM 2,5) prodotte dalla circolazione del traffico veicolare – spiegano in una nota ufficiale Circolo Legambiente Grugnotorto di Paderno Dugnano e il Comitato Cittadini Interramento Rho-Monza -.  L’inaugurazione di una autostrada che non è ancora aperta al suo utilizzo. L’inaugurazione di una autostrada che avviene in modalità intima, in un luogo (sotto la galleria fonica) oggi inaccessibile ai non addetti ai lavori e quindi anche a noi. L’inaugurazione di una autostrada che la popolazione locale ha sempre contrastato e che non accetta. L’inaugurazione di una autostrada che avrebbe dovuto avere il buon senso, vista la scelta di realizzazione a  cielo aperto, di essere fatta, sempre in modalità rigorosamente intima, fra 15/20 anni , quando l’unico  parziale rimedio al cancro ai polmoni e altre patologie collegate all’inquinamento, cioè il progetto  integrativo di mitigazioni ambientali, voluto con determinazione dai cittadini per sette anni, che significa  alberi, alberi, alberi e ancora alberi in ogni metro quadrato disponibile, avrà avuto il tempo di prendere  consistenza e di rappresentare concretamente una forma di barriera, l’unica possibile ai veleni  dell’autostrada. L’inaugurazione di una autostrada, il cui interramento è stato ritenuto dal Tar e Consiglio di Stato, più  costoso dell’attuale realizzazione, salvo verificare adesso, dopo 7 anni di ritardi e con l’inclusione di un  progetto integrativo di mitigazioni ambientali che non è ancora stato approvato ufficialmente e finanziato,  che il costo dell’interramento allora stimato sia simile a quello attuale. Una cosa di cui letteralmente  vergognarsi”. 

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *