Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Dieci anni di Pistoia Sport, ecco gli sportivi più iconici


Nel giorno di festa per Pistoia Sport, celebriamo le figure locali più emblematiche: da Roberto Maltinti a Jonatan Bartoletti

ROBERTO MALTINTI

Venuto a mancare nel 2019, la sua assenza per il Pistoia Basket, ma più in generale per lo sport pistoiese e persino per la città, si sente eccome. A livello sportivo, il solo osannato da curva Nord arancione e curva Pistoia del PalaCarrara, ma non solo. Nel 2015 viene insignito del Premio Reverberi come miglior dirigente del basket italiano. Dal presidente federale Gianni Petrucci al coach dell’Italbasket Meo Sacchetti, ai ragazzi che in questi anni sono passati da Pistoia: tutti, alla tragica notizia della morte, gli hanno dedicato un pensiero, sia quelli che hanno lasciato grandi ricordi ma anche chi è passato dalle parte di via Fermi rimanendovi pochi mesi. 

VINCENZO ESPOSITO

Se la stagione 2015/16 del Pistoia Basket viene ricordata come “la più bella di tutte” è anche grazie al carisma de “El Diablo”. Esposito si porta in biancorosso da Caserta Moore e Antonutti, pesca il gigante bianco Kirk nell’universo a stelle e strisce e con un manipolo di giocatori (8 senior) dà a Pistoia l’ebbrezza della vetta della classifica per i primi tre mesi di campionato. Arriva la qualificazione alle Final Eight di Coppa Italia, i playoff da sesti (record assoluto per il Pistoia Basket), risultato bissato l’anno dopo in cui (al secondo anno intero da head coach) vince il titolo di miglior allenatore della serie A.

CORRADO COLOMBO

Dopo una prima parentesi torna alla Pistoiese in Serie D nella stagione 2011-12 per poi tornare nel 2016 totalizzando 42 presenze e 12 reti. Il numero 10 arancione delizia il pubblico mostrando magie sopraffini, senza parlare poi del vizietto fondamentale per il gol. Da ricordare come il premio di “Arancione del Decennio” ai Pistoia Sport Awards del decennio sia andato a lui.

GUIDO MEINI

Storico volto della Montecatini cestistica, dal 2012 al 2014 ha giocato col Pistoia Basket, facendo parte del roster che ha colto la promozione nel 2013. Dopo due parentesi a Trapani e Roma, nel 2016 è tornato a Montecatini, dove ha prima difeso i colori rossoblu in campo fra B e C Gold, per poi appendere le scarpette al chiodo. Adesso è direttore sportivo della Gema.

GABRIELE ROSSETTI

Originario di Ponte Buggianese, si mette in luce nel tiro al volo, nella specialità dello skeet. Ai Mondiali del 2014 a Granada conquista il bronzo, ma è nel 2016 che si consacra a livello assoluto. Vince infatti l’oro alle Olimpiadi di Rio de Janeiro. Nel 2017 conquista l’oro ai Mondiali, mentre agli Europei del 2018 ottiene due argenti. Nel marzo 2019 ha ottenuto il pass olimpico e nell’estate dello stesso anno ha vinto ai Mondiali l’oro nella gara mista. Infine, la partecipazione ai Giochi di Tokyo: il tiratore della Valdinievole al secondo turno di qualificazione si classifica al decimo posto rimanendo escluso dalla finale.

GIULIA CHELI

La bomber del Blu Volley Quarrata è l’artefice principale delle due salvezze ottenute dalla prima squadra mobiliera in Serie B1, realizzando con la stessa più di 100 punti. Tre volte vincitrice ai Pistoia Awards (2013-2014-2015) ed eletta a “Miglior Pallavolista” nell’ultima edizione 2010-2019.

RICCARDO AGOSTINIANI

Ha portato la Pistoiese dall’Eccellenza alla Serie D nel 2011. Ha poi girato tante panchine tra Eccellenza e Promozione, su tutte Maliseti e Lampo, senza far mai mancare le sue doti umane e professionali, attualmente siede sulla panchina del Quarrata.

LA FAMIGLIA FERRARI

Una favola con un bell’inizio e una fine decisamente (troppo?) tardiva. Si potrebbe riassumere con queste semplici parole l’era della famiglia Ferrari al comando della Pistoiese. Sicuramente all’ex proprietà arancione va dato il merito di aver riportato la città tra i professionisti, fatto non banale visti gli anni complessi in Serie D. In Serie C sono state parecchie le stagioni difficili ma poi concluse con la salvezza, mentre la scorsa – quella del Centenario – è stata senza ombra di dubbio la più grande delusione del decennio.

JOHN BIAGINI

Diecimila chilometri in bici coperti in pochi più di quattro mesi, con quasi tutta l’Europa visitata e scoperta, fra mille imprevisti meteorologici. Questa è stata l’impresa compiuta da John Biagini, ciclista pesciatino amatoriale ma super allenato che lo scorso 3 maggio è partito alla volta di Capo Nord, in Norvegia, in sella alla sua Bianchi. Al ritorno a Chiesina Uzzanese, ha ricevuto un’accoglienza da eroe, con tanto di targhe ricordo.

JONATAN BARTOLETTI

Nell’agosto 2007 vince all’esordio il Palio di Siena con la contrada del Leocorno. Nella storia solo nove fantini sono riusciti a vincere il Palio all’esordio. Ottiene la seconda vittoria nell’agosto 2012 con la contrada di Valdimontone. Nel 2016 riesce in un’impresa storica: con la contrada della Lupa vince il Palio di luglio e quello di agosto a cavallo di Preziosa Penelope, centrando un cappotto verificatosi solo nel 1933.

Fonte: pistoiasport.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *