Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Dazn ritorna da Sky: l’accordo è a un passo. Cosa cambierà

MILANO – Dazn e Tim hanno cambiato il loro accordo e il campionato di Serie A non sarà più visibile solo sul set top box di Timvision. A ratificarlo è stato il cda di Tim, andato in scena ieri pomeriggio, dopo una trattativa tra le parti che durava da giorni. Dopo cena è arrivato anche il comunicato ufficiale che parla «di accordo di distribuzione ridisegnato con l’obiettivo di rendere il massimo campionato italiano, e lo sport, ancora più accessibili». Cosa significa tutto questo? Che la app di Dazn a breve sarà visibile non solo su Timvision, ma anche su Sky Q: manca da definire l’intesa Dazn-Sky, ma sembra un dettaglio, tanto che l’annuncio è atteso già nelle prossime ore, comunque prima dell’inizio del campionato, sabato 13.

Cosa cambia

Tim, rinunciando all’esclusiva della Serie A su Timvision, avrebbe ottenuto dal gruppo inglese uno sconto intorno ai 90-100 milioni, ma adesso la app di Dazn potrà essere fruita attraverso altri set top box. Uno di questi sarà Sky Q grazie a una trattativa praticamente “chiusa” con la tv con sede a Santa Giulia. Ai fini pratici cambierà qualcosa (l’utente potrà vedere il campionato con un unico decoder), ma in termini di spesa, poco o niente. Fino al giugno 2024 Dazn resterà l’unico player titolare di tutte e 380 le partite stagionale della Serie A; Sky ne avrà 3 a giornata in coesclusiva. Per assistere all’intero spettacolo, sarà comunque necessario un abbonamento a Dazn e non basterà quello a Sky. Dazn insomma non sta sub-licenziando i suoi diritti. Al momento non sono neppure previsti “sconti” per gli abbonati Sky come era stato fatto nel triennio 2018-21.

Vantaggi

Sbarcare sulla piattaforma Sky garantisce a Dazn una copertura del territorio nazionale ancora maggiore perché non più legata solo alla connessione internet, ma al satellite. L’intesa tra Dazn e Sky dovrebbe infatti portare alla creazione di un canale satellitare dove saranno visibili i migliori eventi di Dazn (non tutti), ma anche questo canale (in passato era il 209) sarà visibile solo ai possessori dei due abbonamenti. Sky in compenso è pronta a partecipare a un apposito bando per l’acquisizione del pacchetto highlights che la Lega potrà fare solo dopo il via libera di Dazn, a questo punto scontato. I prezzi comunicati nelle scorse settimane dalla piattaforma streaming rimarranno invariati: l’offerta «Plus» costerà a 39,90 euro al mese e permetterà la visione dei contenuti sportivi contemporaneamente da due device, mentre l’offerta «Standard» da 29,90 euro al mese consentirà la visione da un solo dispositivo alla volta o da due diversi ma collegati alla stessa rete domestica. Non solo, ma è possibile che Dazn trovi un’intesa simile con altri player, allargando ancora di più il bacino di utenti attraverso diverse piattaforme. Il Ceo Stefano Azzi ha spiegato: «Tim continuerà a essere un partner strategico dal punto di vista tecnologico e la modifica di questo accordo permetterà un ulteriore ampliamento delle modalità di accesso per gli utenti ai nostri contenuti».

DAZN, i 10 consigli per migliore l'esperienza di visione

Guarda la gallery

DAZN, i 10 consigli per migliore l’esperienza di visione

Fonte: corrieredellosport.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *