Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Dazn convocata da Giorgetti al Mise per lo stop alla «doppia utenza»

I punti chiave

2′ di lettura

Il ministero dello Sviluppo economico vuole vederci chiaro sulle prossime mosse di Dazn. Per la piattaforma è arrivata la convocazione da parte del ministro dello Sviluppo Giancarlo Giorgetti che ha chiamato al Mise « i vertici di Dazn per fare chiarezza, a tutela dei consumatori, anche sulle ultime decisioni dell’azienda che detiene i diritti tv del calcio di serie A. Giorgetti, insieme con la sottosegretaria Anna Ascani che ha la delega sulla materia – si legge in una nota -, ha invitato i rappresentanti Dazn martedì 16 novembre alle ore 15».

«Come di consueto siamo disponibili alla collaborazione e al confronto con le autorità e le istituzioni: a questo riguardo, abbiamo prontamente accolto l’invito da parte del ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, e del sottosegretario Anna Ascani, ad un confronto da svolgersi all’inizio della prossima settimana», ha dichiarato all’agenzia Ansa Dazn.

Loading…

Lo stop alla «concurrency»

Arriva così all’attenzione del Governo e in particolare del Mise la mossa di Dazn che, come da notizia anticipata dal Sole 24 Ore, ha deciso lo stop alla doppia visione contemporanea dei contenuti, a distanza, con un unico abbonamento. Quello che in gergo si chiama concurrency.

Pirateria e abbonamenti «dimezzati»

Una decisione che in Dazn considerano necessaria alla luce dei dati emersi sugli “usi fraudolenti” che significano un 20% di connessioni fatte non secondo quanto previsto dalle condizioni di utilizzo (e cioè che i login non vadano condivisi se non oltre lo stretto nucleo familiare, sostanzialmente in casa).

Al di là della pirateria (con offerte che proliferano su Telegram), o anche dei siti che legalmente offrono servizi di sharing degli abbonamenti (con la condizione, però solo teorica, che questo avvenga all’interno dei nuclei familiari) per molti esiste oggi il “due al prezzo di uno” sull’abbonamento da 29,99 euro al mese.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *