Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Dalla diga Maignan alla coop del gol: Milan, il bilancio dell’anno reparto per reparto

La difesa (portiere compreso) tutto sommato ha retto. Certo, all’inizio i tifosi avevano fatto la bocca particolarmente buona (3 gol presi nelle prime sei partite), anche perché quando al Diavolo capitava di incassare magari due reti, riusciva a farne una in più. Il momento più complicato è stato nella seconda metà di novembre, con i 7 gol presi tra Fiorentina e Sassuolo. Lì sono state minate parecchie certezze, e da quel momento in poi la difesa è andata incontro ad errori nei singoli e di reparto che prima non commetteva. Ora come ora il Milan ha la sesta retroguardia del torneo (22 gol, meglio di tutti il Napoli a 14): non granché per la seconda in classifica. Maignan comunque, a parte qualche sbavatura, si è dimostrato un valido sostituto di Donnarumma. Media voto in campionato decisamente buona: 6,34. La grande botta è arrivata dal lungo stop di Kjaer (6,3), ma Tomori ha confermato la bontà dell’investimento (6,32). Media altissima per Calabria (6,72), in risalita Hernandez (5,96). Kalulu piacevolissima sorpresa (6,37).

Fonte: gazzetta.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *