Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Crolla la richiesta di motori, in Fca riduzione dei turni nel fine settimana (IL VIDEO) – quotidianomolise.com

Niente richiesta di motori GME 2.0 T4 e la necessità di ridurre le turnazioni dei reparti allo stabilimento Fca di Termoli. E’ quanto venuto fuori dalla riunione che si è tenuta questa mattina, 13 settembre, del Comitato Esecutivo di Stabilimento che stabilito che a seguito delle persistenti criticità nelle aree EMEA inerenti le richieste di motori GME 2.0 T4 le turnazione delle are interessate subiranno le seguenti variazioni;

  • MOTORI 2.0 T4 lavorazione e sala prova GME dal 27 settembre 2021 passerà a 15 turni settimanali.
  • Montaggio motori 2.0 T4 dal 27 settembre 2021 passerà a 17 turni settimanali.
  • Manutenzione motori 2.0 T4 e V6 area lavorazione dal 27 settembre 2021 passerà a 18 turni settimanali.
  • Manutenzione motori 2.0 T4 e V6 area montaggio dal 11 ottobre 2021 passerà a 18 turni settimanali.
  • Attrezzeria e Magazzino Materiali Indiretti dal 27 settembre 2021 passerà a 18 turni settimanali.

Nella sostanza, quindi, anche per i motori 2000 T4 che vanno in America la produzione passerà dagli attuali 20 turni a 17 il che significa che non si lavorerà più la domenica notte, il sabato notte e la domenica pomeriggio considerando le criticità che persistono nel settore carrozzerie. Le stesse criticità di cui aveva parlato anche il segretario regionale della Uilm Molise, Francesco Guida. Sotto la lente la mancata produzione di microchip che arrivano dal mercato cinese e l’affanno che stanno vivendo le carrozzerie con la conseguenza di vedere bloccare anche il comparto dell’automotive. “In questo momento la situazione è complicata – ha affermato Guida – perché la crisi dei semiconduttori sta impattando sulla situazione degli stabilimenti e a catena sulle fabbriche di componentistica come Termoli”. Sotto la lente anche la situazione della Sevel. “La mancanza di componente elettronico è iniziata lo scorso anno a causa dello smartworking che ha fatto sì che ci fosse una richiesta alta che sta subendo il mondo delle auto. In questo momento i lavoratori e le organizzazioni sindacali sono preoccupate. Come Uilm abbiamo già chiesto ai Ministri competenti un incontro per fare in modo Stellantis chiarisca il piano induastriale. Vero che su Termoli c’è stato l’annuncio della Giga Factory ma la data è il 2025 vogliamo capire in che maniera arrivare a quella data e l’impatto sul numero di lavoratori coinvolti. Questa per noi è la priorità”.

Fonte: quotidianomolise.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *