Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Crocchette pressate a freddo o estruse? – Lifestyle

esigenze o razze: da quelli fatti apposta per i cuccioli a quelli per razze specifiche come lo Shih Tzu o il bulldog francese! È difficile dire quale sia il migliore perché tutti i produttori sostengono in modo diverso che il loro prodotto fornirà il maggior valore nutrizionale e i maggiori benefici.

Anche se le crocchette non sono il cibo più naturale per cani e gatti, poiché sono molto lontane da ciò che si mangerebbe in natura, la loro praticità può aiutarci molto nella vita quotidiana.

Ci sono molte opzioni diverse per il tipo di cibo da dare al tuo cane e può essere difficile fare la scelta giusta; fra le opzioni possibili però le crocchette pressate a freddo stanno guadagnando sempre più popolarità perché sono più sane di quelle tipiche estruse!

La spremitura a freddo è un processo che preserva infatti più nutrienti dall’essere distrutti dal calore durante la cottura. Questo si traduce in un aumento di vitamine come la vitamina A ed E e di acidi grassi omega 3 che riducono l’infiammazione nel corpo dei cani.

L’estrusione mescola tutti gli ingredienti in un unico impasto con additivi prima di cuocerli o friggerli, quindi gli oli fuoriescono facilmente rendendo queste crocchette meno salutari in generale rispetto alle loro controparti pressate a freddo.

Cosa sono le crocchette pressate a freddo e cosa le rende così diverse?

Le crocchette pressate a freddo hanno una consistenza particolare che le distingue dagli altri tipi di cibo per cani. Di solito assumono la classica forma a pellet perché vengono pressate durante la loro fase finale di lavorazione. Questa temperatura è più bassa rispetto a quella di molti alimenti convenzionali per animali domestici, poiché viene effettuata da macchine speciali chiamate schiacciapatate che danno invece ai pellet tradizionali una forma a tubo…proprio come grandi patate schiacciate!

Quando si fanno le classiche crocchette estruse, la temperatura deve essere di almeno 120° e in alcuni casi anche superiore. Invece, quando si fanno quelle pressate a freddo, è molto più bassa: devono passare solo 90° durante la cottura con una fase finale di pressatura che avviene a temperatura ambiente. Per questo motivo, a volte queste ultime possono avere un nucleo ancora più basso di quello perché vengono pressate piuttosto rapidamente, il che permette un minore trasferimento di calore in tutto il loro centro prima di essere rimosse dalla superficie dell’attrezzatura.

Vantaggi della lavorazione a freddo

La lavorazione a freddo offre un sacco di vantaggi tra cui il fatto che è priva di additivi.

Le temperature più basse preservano le sostanze nutritive, quindi una temperatura più bassa può mantenere intatte le sostanze nutritive presenti nelle materie prime. I minerali e soprattutto le vitamine, ad esempio, sono particolarmente suscettibili al calore quindi aumentando la quantità di tempo o il grado di calore sottoposto sugli ingredienti si avrà una perdita maggiore.

Per questo motivo, quando si legge l’etichetta di una crocchetta pressata a freddo è possibile che non si trovino informazioni sugli additivi nutrizionali: questo significa che solo le materie prime sono garantite come sicure per il consumo e prive di sostanze chimiche tossiche.

L’assenza di additivi nutrizionali non si applica al processo di estrusione, poiché le alte temperature di cottura rendono necessaria la loro aggiunta.

Attenzione: quando si tratta di crocchette spremute a freddo, bisogna essere sicuri che la qualità delle materie prime utilizzate sia alta. In caso contrario, si potrebbero perdere nutrienti essenziali durante la cottura che avviene a una temperatura più bassa del solito.

Crocchette pressate a freddo: sono più digeribili?

La minore quantità di amidi e la conseguente solubilità delle crocchette spremute a freddo facilitano la digestione dell’animale in quanto sono più facili da digerire. Questo non influisce direttamente sui loro livelli di proteine, ma le proteine sono più facilmente digeribili se provengono da un alimento con il quale il nostro corpo può elaborarle e assimilarle completamente.

Se state cercando di nutrire il vostro animale domestico con una dieta ad alto contenuto proteico, assicuratevi che il primo ingrediente sull’etichetta del cibo sia la carne. Veri pezzi di carne come pollo o manzo e non piume/pelle/carne.

Fate anche attenzione quando leggete le etichette: “spremuto a freddo” non può garantire la qualità, quindi fai attenzione al resto del contenuto! Mentre gli ingredienti naturali sembrano migliori di quelli artificiali, questo non significa che siano abbastanza buoni per il tuo amico carnivoro; controlla ogni singola cosa elencata come ingrediente e assicurati che tutto sia reale e di alta qualità (per esempio niente mais!)

Una crocchetta pressata a freddo è di qualità solo se utilizza carne vera come ingrediente principale.

Questo significa che l’alimento rimarrà intatto in termini di proprietà nutrizionali grazie alle temperature più basse utilizzate per la lavorazione rispetto a un prodotto estruso che fondamentalmente comporta il riscaldamento e la cottura ad alta pressione.

Se la crocchetta pressata a freddo utilizza ingredienti di scarsa qualità potrebbe diventare paradossalmente meno digeribile di una estrusa.

Tiriamo le somme

Le crocchette pressate a freddo sono le migliori?

La risposta è: dipende!

Dovresti valutare ogni singolo prodotto, guardando la loro composizione prima della lavorazione. Anche il modo in cui vengono lavorati può essere cruciale, ma ciò che conta davvero prima di tutto sono gli ingredienti.

Questi sono infatti i principali responsabili di favorire o sfavorire, a seconda dei casi, un reale benessere del tuo cane e inoltre non è detto che i prodotti spremuti a freddo siano sempre migliori per tutti. La scelta migliore dipende infatti anche dalle esigenze specifiche di un individuo e dalla sua storia alle spalle in quanto, individui con difficoltà uniche e con particolari esigenze alimentari, possono rispondere in modo diverso da un soggetto all’altro…proprio come fanno anche gli esseri umani!

Non vogliamo compromettere la salute del nostro animale, quindi dovremmo dargli da mangiare ciò che sceglierebbe naturalmente ma, se la dieta è fatta anche a base di crocchette commerciali (si, agevolano molto la vita dei proprietari di cani), allora assicurati di leggere le etichette e di trovarne una che sia fatta con ingredienti freschi.

Qual è la marca migliore di crocchette?

Semplicemente: non esiste!

Alcune crocchette sono fatte di buoni e costosi ingredienti, ma il processo di estrusione stesso le rende indigeste. Non è una questione di marche o di ingredienti: anche quelli con ottimi e costosi ingredienti devono aggiungere additivi sintetici perché ciò che viene distrutto dal calore non può essere sostituito!

La risposta non è nemmeno una questione di prezzo poiché esistono sul mercato crocchette di marche blasonate e molto costose ma…fatte con cereali (mais) e piume idrolizzate che fa più male che bene al cane. Queste miscele includono additivi che non tengono conto delle necessità individuali, aggiungono grandi quantità di cereali che si accumulano nel tempo causando problemi di ogni tipo come intolleranze e infiammazioni intestinali.

Come ormai avrete capito bisogna scegliere con molta attenzione i prodotti giusti per il nostro amico peloso, partendo dagli ingredienti fino agli additivi e al processo di lavorazione: il prezzo non è un indicatore valido di qualità.

In rete poi esistono moltissimi siti che propongono offerte di crocchette pressate a freddo online come Canissimo.it o tanti altri per cui non ci sono più scuse per nutrire il proprio cane in modo sano, equilibrato e con cibo di qualità.

COMUNICATO STAMPA – Responsabilità editoriale WolfAgency.it

Fonte: ansa.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *