Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Covid, record di casi: in Campania niente lezioni in presenza fino al 30 ottobre

Il secondo giorno consecutivo di record di contagi comincia a preoccupare le istituzioni: mentre a livello nazionale si è deciso di attendere un paio di settimane, per verificare gli effetti dell’ultimo Dpcm che impone di indossare la mascherina quasi ovunque, dalle regioni giungono notizie di decisioni importanti.

Ordinanza in arrivo

In particolare dalla Campania, dove la giunta del governatore Vincenzo De Luca si accinge a firmare una ordinanza nella quale impone la sospensione delle lezioni scolastiche in presenza in tutte le scuole primarie e secondarie da venerdì 16 a venerdì 30 ottobre compresi: le attività formative, quindi, proseguiranno con la didattica a distanza.

La disposizione, anticipata dalla Regione Campania, è una delle misure anti-Covid contenute nell’ordinanza.

ICOTEA_19_dentro articolo

Sempre in Campania, la giunta regionale ha deciso di sospendere anche tutte le attività didattiche e di verifica in presenza nelle Università, fatta eccezione per quelle relative agli studenti del primo anno di corso.

Il boom di casi positivi al Covid-19

Ricordiamo che nelle ultime 24 ore, ha fatto sapere il ministero della Salute, si sono registrati 8.804 nuovi contagi (con un incremento di 1.500 casi in un solo giorno) e 83 vittime, contro le 43 del giorno precedente, che già aveva fatto registrare il record di contagi.

Se è vero che si è toccato anche il record di tamponi, cresce però pericolosamente anche il numero di ricoverati in terapia intensiva: 586.

Tra le disposizioni che si stanno valutando a livello nazione, figura quella dei doppi turni, con le lezioni svolte alle superiori anche il pomeriggio.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *