Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Covid oggi Italia, numeri contagi e incidenza. Un anno fa vax day

Tamponi giù, contagi in calo, incidenza all’11,5%: più di un tampone su 10 positivo. Sono i numeri con cui l’Italia, dopo il picco di Natale, archivia il 26 dicembre e la prima porzione di festività. Oggi, con la variante Omicron sotto i riflettori, il paese riapre (ad eccezione ovviamente delle scuole) e nel primo anniversario del vax day – con l’avvio della campagna di vaccinazione il 27 dicembre 2020 – nella quotidianità quasi ordinaria trovano applicazione le misure previste dal Decreto Natale, in vigore dal 25 dicembre dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

Leggi anche

CONTAGI E TAMPONI GIU’, INCIDENZA SU

Nella giornata di Santo Stefano, secondo i dati del bollettino Protezione Civile e ministero della Salute, sono stati registrati 24.883 nuovi casi. I positivi sono stati individuati su 217.052 tamponi, con un tasso di positività che si attesta all’11,5%. A Natale i nuovi contagi erano stati 54.762 – record assoluto dall’inizio della pandemia – e il tasso di positività si era attestato al 5,6% dopo quasi un milione di tamponi (969.752). Riflettori accesi sui dati che arriveranno nelle prossime ore dalle varie regioni.

VACCINO E PROTEZIONE, I DATI

I dati dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss) offrono nuove indicazioni sull’efficacia del vaccino. “Dopo 150 giorni dal completamento del ciclo vaccinale, l’efficacia del vaccino nel prevenire la malattia, sia nella forma sintomatica che asintomatica, scende dal 71,5% a 30,1%”, si legge nel report.

“Rimane elevata l’efficacia vaccinale nel prevenire casi di malattia severa, in quanto l’efficacia del vaccino nei vaccinati con ciclo completo da meno di 150 giorni è pari al 92,7% mentre cala all’82,2% nei vaccinati che hanno completato il ciclo da oltre 150 giorni. L’efficacia nel prevenire la diagnosi e i casi di malattia severa sale rispettivamente al 71,0% e al 94,0% nei soggetti vaccinati con dose aggiuntiva/booster”, prosegue il documento.

L’Iss evidenzia che in età scolare, quasi la metà dei casi registrati nella fascia 6-11 anni. “Nell’ultima settimana, si conferma l’andamento osservato nella precedente, con il 26% dei casi totali diagnosticati nella popolazione di età scolare (<20 anni). Il 48% dei casi in età scolare è stato diagnosticato nella fascia d’età 6-11 anni, il 36% nella fascia 12-19 anni e solo il 11% e il 5% sono stati diagnosticati, rispettivamente tra i 3 e i 5 anni e sotto i 3 anni”, si legge.

Lo stesso Istituto in un tweet ricorda che “il rischio di terapia intensiva per i non vaccinati rispetto a chi ha la terza dose è: 85 volte maggiore per gli over 80; 12,8 volte maggiore per i 60-79; 6,1 volte maggiore per i 40-59”.

UN ANNO FA IL VAX DAY

Il 27 dicembre 2020 iniziava la campagna di vaccinazione contro il coronavirus. In un anno, come illustra il report vaccini, le dosi somministrate sono 108.336.214. Sono 47.945.912 gli italiani che hanno ricevuto almeno una dose, si tratta dell’88,77 % della popolazione over 12. Invece, 46.217.249 di persone hanno completato il ciclo ordinario di vaccinazione: è l’85,57 % della popolazione over 12. Finora sono state somministrate 17.148.254 dosi booster. I guariti da almeno 6 mesi sono 387.193.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *